Circumvesuviana, troppe persone e senza biglietto: capotreno ferma convoglio

circumvesuviana
Foto pagina Facebook “Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti”

Questa mattina il treno della Circumvesuviana diretto a Sarno viene fermato alla stazione di Sant’Anastasia a causa di un eccessivo assembramento nel primo vagone. A quel punto sono intervenute le Forze dell’ordine che dopo 20 minuti hanno deciso di fare un controllo a tappeto dei biglietti. I passeggeri poi, presi dal panico, avrebbero iniziato a fuggire scendendo terrorizzati dal treno, recandosi alla biglietteria, che però è risultata chiusa. Alla fine, la vicenda si è conclusa con la ripartenza del treno dopo ben 55 minuti di sosta presso la stazione di Sant’Anastasia.

“Quello successo poco fa ha dell’incredibile – scrivono sulla pagina Facebook “Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti” – Il treno diretto a Sarno viene fermato alla stazione di Sant’Anastasia per l’intervento delle Forze dell’ordine, a seguito di un eccessivo assembramento nel primo vagone. Dopo 20 minuti, i carabinieri decidono di fare un controllo a tappeto dei biglietti; a quel punto scatta il panico, c’è un fuggi fuggi con parte dei passeggeri che scende terrorizzata dal treno recandosi alla biglietteria per fare il biglietto, ma – colpo di scena – la biglietteria è chiusa.
Caos totale. Alla fine, per disperazione, il treno viene fatto ripartire, dopo ben 55 minuti di sosta a Sant’Anastasia”.

Quello successo poco fa ha dell’incredibile.
Il treno diretto a Sarno viene fermato alla stazione di Sant’Anastasia per…

Pubblicato da Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti su Lunedì 7 settembre 2020

Poi scatta la polemica, da parte di EAV (Ente Sutonomo Volturno srl) affermando, tramite un post pubblicato su Facebook, che quanto detto dalla pagina “Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti”, altro non è che una Fake news, mettendo poi le cose in chiaro rispetto a quanto è accaduto:

“Falso che la biglietteria era chiusa. Vero che, come da normativa nazionale, in ipotesi di assembramenti eccessivi, il capotreno ha richiesto intervento delle forze dell’ordine.
Vero che il capotreno, correttamente, ha controllato, con l’ausilio dei carabinieri, chi non avesse il biglietto facendolo scendere dal treno.
Nulla di incredibile. Tutto regolare. Chi non aveva il biglietto ha poi fatto il biglietto e preso il treno successivo e quindi è rimasto punito. Bene cosi. Non ci sono scuse per chi non fa il biglietto. Ed il biglietto si può sempre fare, con il telefonino, anche last minute, con GOEAV”.

Falso che la biglietteria era chiusa. Vero che, come da normativa nazionale, in ipotesi di assembramenti eccessivi, il…

Pubblicato da EAV – Ente Autonomo Volturno srl su Lunedì 7 settembre 2020

Potrebbe anche interessarti