Salvini, il sud non ti vuole. Dopo Torre e Napoli coperto di fischi anche a Matera

Il sabato di Matteo Salvini è iniziato con la visita ed il comizio elettorale ad Ariano Irpino, in provincia di Avellino. Dopo ha proseguito il suo viaggio al sud arrivando a Matera.

Dopo le contestazioni di Torre del Greco e Napoli, anche la Basilicata non ha gradito la visita di Salvini per la campagna elettorale della Lega.

Infatti durante il comizio a sostegno del candidato sindaco di centrodestra, Rocco Luigi Sassone sono arrivati fischi e cori da parte di un gruppo di persone che hanno esposto cartelloni contro il leader della Lega.

Gli amichetti dei clandestini, quelli là, accolgono non per carità cristiana, ma perché ci fanno i miliardi di euro. Altro che carità cristiana, il portafoglio. Quelli là con la bandiera rossa lascino in Comune nome, cognome e numero di conto corrente. Fanno i generosi con i quattrini degli altri“, ha detto il leader della Lega rivolgendosi ai suoi oppositori.

‘Scemo, scemo’: il programma della sinistra per Matera è questo, mia figlia che ha 7 anni ha un pensiero più evoluto… Ai vostri insulti rispondo con i bacioni“, ha aggiunto. In serata Salvini raggiungerà Bari, dove incontrerà sul palco il candidato del centrodestra, Raffaele Fitto.

 

E dopo le emozioni della Campania, ora Basilicata!
Un saluto dalla splendida Matera insieme al candidato sindaco Rocco Sassone.
State con noi!

Pubblicato da Matteo Salvini su Sabato 12 settembre 2020