Una nuova “mini-luna” attraverserà la Terra: sarà vicinissima a noi per ben due volte

La Terra ospiterà 2020 SO: una nuova mini-luna il cui arrivo è previsto per il mese di ottobre e rimarrà fino al prossimo maggio 2021. A renderlo noto sono gli esperti del settore, tra cui Tony Dunn che sul suo profilo Twitter mostra una simulazione della sua traiettoria.

Già alcuni mesi fa è stata scoperta 2020 CD3, un’altra mini-luna così piccola da non essere visibile ad occhio nudo e da non produrre alcun effetto sulla Terra. Ora ne è in arrivo un’altra che attraverserà il nostro Paese.

Gli esperti ipotizzano che potrebbe non trattarsi di un asteroide bensì di un corpo artificiale. La nuova mini-luna, infatti, è sullo stesso percorso orbitale della Terra, la sua eccentricità è poco più alta di quella terrestre e la sua velocità è inferiore a quella di un asteroide Apollo (classificazione in cui rientra 2020 SO per gli asteroidi che incrociano l’orbita terrestre).

Non trattandosi di un asteroide naturale ma probabilmente di un qualcosa realizzato dall’uomo, i ricercatori avanzano l’idea di essere in presenza di un detrito spaziale. Quest’ultimo potrebbe legarsi allo stadio Centaur, messo in campo per il lancio sulla luna della sonda Surveyor 2, datato settembre 1966. La Nasa sembrerebbe confermare tale tesi appellandosi alle dimensioni di 2020 SO: lungo tra i 6,4 e i 14 metri, contro i 12,68 metri di Centaur.

La mini-luna 2020 SO dovrebbe avvicinarsi abbastanza alla Terra per ben due volte dopo il suo arrivo: il primo dicembre si avvicinerà ad una distanza di circa 50mila km mentre il 2 febbraio volerà a 220mila km dal Pianeta.

In ogni caso sono esclusi fenomeni rischiosi che possano mettere in pericolo la vita degli abitanti. Di recente, la Nasa ha annunciato anche importanti novità sul Sistema Solare.

Potrebbe anche interessarti