Paura nel centro di Napoli: 69enne investito da un’auto della polizia è deceduto poco dopo

uomo morto polizia
Foto ex Opg, facebook

Paura ieri in via Foria a Napoli, un uomo di 69 anni è stato investito da una volante della polizia mentre attraversava la strada ed è morto. L’incidente avvenuto precisamente tra via Duomo e via Crocelle a porta San Gennaro ha avuto conseguenze molto gravi. L’uomo infatti è deceduto nonostante le sue condizioni all’apparenza non sembrassero molto gravi.

Arrivati i sanitari del 118 hanno provveduto a trasportarlo presso l’ospedale dei Pellegrini, dove, un paio d’ore dopo, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. In base alle prime indagini, il soggetto in questione avrebbe attraversato la strada improvvisamente di modo che l’auto della polizia non è riuscita ad evitarlo, nonostante stesse procedendo a bassa velocità. A causa dell’incidente, la circolazione ha subìto un forte rallentamento, complice anche la chiusura della galleria Vittoria.

Non mancano ovviamente attacchi al corpo della polizia, secondo la pagina Facebook Ex Opg Occupato infatti, emergono alcune parole dette da persone presenti al momento dell’incidente.

“Vuless sapè a che servono ste guardie, fann sul guaie” una delle tante frasi urlate. C’è addirittura chi se l’è presa con il presidente De Luca: ” Non è il popolo di De Luca questo. È quello del ventre di Napoli che non è andato a votare, che non crede nello Stato e nella politica, che non ride davanti agli show del Presidente pagliaccio. Perché sa che, quando le cose vanno male, saranno come sempre i primi a pagare. Perché crede ai segni, e questo non è buono. Perché sa che in questa città, in questo paese di Pulcinella, può capitare di tutto. Anche di essere ucciso da chi ha giurato di proteggerti”. 

Saranno le indagini a fare luce quanto prima su questa tristissima vicenda.

Qualche ora fa a Via Foria. È un incidente, ma a chi era lì sembrava l’emblema dello sfascio che stiamo vivendo.
Una…

Pubblicato da Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo su Giovedì 8 ottobre 2020

Potrebbe anche interessarti