Coprifuoco in Campania, la proposta di De Luca approvata dal Premier Conte e dal Ministro della Salute

coprifuoco in Campania
Foto: Esercito Italia

Si fa sempre più concreta la misura del coprifuoco in Campania. Il Governatore De Luca, come già anticipato, ne avrebbe fatto richiesta ed ha già ricevuto l’appoggio del Premier, Giuseppe Conte, e del Ministro della Salute, Roberto Speranza.

Tutto pronto, dunque, per introdurre il divieto di mobilità dopo le 23.00 in tutta la regione, anche l’ordinanza regionale. Il Ministro della Salute si è mostrato favorevole e la sua adesione sarà formalizzata nella giornata odierna. Sulla stessa scia anche il Premier Conte che, in diretta dal Senato, ha detto: “Dopo Lombardia e Campania non possiamo escludere misure restrittive in altre regioni.”

Per tale ragione, da domani i campani saranno impossibilitati a lasciare le proprie abitazioni dalle 23.00 alle 5.00. Così come non potranno spostarsi dalla propria provincia di residenza, come disposto dal provvedimento già approvato.

La soluzione del coprifuoco, tuttavia, non è stata avviata soltanto in Campania. Anche la Lombardia ha adottato tale misura, seguita dal Lazio. In Piemonte, invece, la proposta è ancora in via di valutazione. Del resto, proprio queste sono le regioni più colpite dai nuovi contagi, come si evince dall’ultimo aggiornamento del Ministero della Salute.

Non è ancora ufficiale, invece, la decisione di riaprire le scuole elementari campane. Il Governatore De Luca si era pronunciato sulla questione ma le sue parole non sono state accompagnate dall’emanazione di un’apposita ordinanza. Al momento, dunque, non è prevista la riapertura per lunedì ma seguiranno ulteriori aggiornamenti in merito.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più