Ansia per Maradona, ricoverato ieri in Ospedale: sarà operato al cervello per un coagulo di sangue

maradona operato
Twitter Ssc Napoli

Diego Armando Maradona operato al cervello. Ha da poco compiuto 60 anni ma Maradona sta facendo temere per la sua salute. Soltanto ieri l’ex numero 10 azzurro era stato ricoverato nella clinica Ipensa di La Plata. Tra le cause che avevano portato a questa scelta ci sono problemi legati all’alcol, anemia e stress dovuto alla situazione che tutti noi stiamo vivendo col covid. Un vero shock che aveva portato le figlie di Diego a scrivere su twitter di essere molto preoccupate.

Ma il quadro clinico del pibe de ore è peggiorato. Dagli esami clinici è infatti emersa la presenza di un ematoma subdurale nel cervello. Un coagulo di sangue insomma che va rimosso al più presto, per questo Maradona sarà operato nelle prossime ore. Probabilmente la causa è un precedente trauma cranico. Come reso noto ai vari media argentini da parte della famiglia dell’ex fuoriclasse:

“Il Trauma potrebbe averlo avuto un mese fa, come cinque anni fa”.

Come riportato da ‘Ole’ a parlare è stato il medico personale di Maradona, Leopoldo Luque:

“La TAC di un mese fa è risultata normale, ma quella attuale ha un ematoma subdurale che cresceva lentamente. Lo opererò oggi alla clinica Olivos”.

Qualcosa già si intuiva dalle ultime immagini che lo riguardano (sul campo del Gimnasia per il debutto della sua squadra in Coppa) che hanno fatto il giro del mondo e vedevano Maradona avere problemi a rimanere in piedi e in evidente stato confusionale. Anche il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, in conferenza stampa aveva dichiarato:

“Lo vedo un po’ scombinato. Spero si curi di più”.

Sperando che tutto vada bene, il Napoli ha deciso di dedicare a Maradona un tweet:

“Forza Diego”.

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più