Covid, sindaco di Somma: “Serviva la zona rossa. Ho chiesto aiuto a De Luca ma lui non ascolta”

sindaco somma zona giallaIl sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno, ha esternato la sua contrarietà rispetto alla classificazione della Campania nella cosiddetta “zona gialla”. Lo ha fatto durante la trasmissione “Barba&Capelli” in diretta su Radio Crc Targato Italia.

Queste le sue parole: “Mi aspettavo di ritrovarmi almeno in zona arancione, invece siamo in quella gialla per evitare una guerra sociale. A Somma su 35mila abitanti 670 sono positivi, la curva è alta, ieri abbiamo registrato altri 50 contagi.”

“Personalmente ero d’accordo con il Governatore De Luca che chiedeva la zona rossa. Abbiamo bisogno di uno stop totale per ripartire a dicembre. Nel mio comune ho già chiuso parchi, cimiteri, luoghi di assembramento ma se non c’è una presa di coscienza dei cittadini, il problema non si risolve.”

Prosegue lamentando le carenze gestionali: “Noi non possiamo controllare tutto. Avevo chiesto al Presidente De Luca un aiuto per rinforzare il corpo di polizia municipale ma non sono stato ascoltato.”

Il comune, per alleggerire il carico del 118, ormai al collasso, si è dotato di un presidio fisso con ambulanza dotata di personale medico e infermieristico per assistere i pazienti Covid-19 a domicilio. “Il 118 è sovraccaricato, non riesce a rispondere a tutte le esigenze dei cittadini, in particolare di sera” – conclude il sindaco di Somma Vesuviana ribadendo il suo dissenso verso la confermata zona gialla campana.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più