Natale 2020, l’iniziativa di alcuni sindaci: “Niente luminarie, i soldi andranno a malati e famiglie in difficoltà”

Campania luminarie Natale 2020
Nel pieno dell’emergenza Coronavirus, alcuni sindaci in Campania hanno deciso di rinunciare alle luminarie di Natale 2020 per destinare i fondi alle famiglie in difficoltà. Tra loro Josi Gerardo della Ragione e Luigi Pellegrino, rispettivamente sindaci di Bacoli e Parete.

Questo l’annuncio del sindaco Della Ragione: “Sarà un Natale diverso. Ed è necessario ridefinire le priorità. Abbiamo deciso che quest’anno Bacoli non avrà le luci d’artista. Il Parco Vanvitelliano, sul Lago Fusaro, e la Villa Comunale, sul lago Miseno, non saranno illuminate da pupazzi, renne, stelle e alberi. Nessun giardino incantato, nessuna folla.”

“Allo stesso tempo abbiamo deciso di stanziare 60.000 euro per far fronte alla povertà sempre più diffusa in questa seconda ondata della pandemia. Aiuteremo i più deboli, le famiglie in difficoltà, mamme e papà che non stanno lavorando a causa delle nuove chiusure. Sarà un Natale solidale più del solito.”

Sulla stessa scia il primo cittadino di Parete: “In un periodo in cui i cittadini non riescono ad avere le cure necessarie dal sistema sanitario pubblico, abbiamo deciso di destinare le risorse che avevamo stanziato per gli eventi natalizi, all’assistenza sanitaria domiciliare. La salute, le cure agli ammalati, l’ossigeno alle persone che hanno problemi respiratori vengono prima degli addobbi natalizi.”

Dunque, niente luci ma più aiuti concreti ai cittadini. Una decisione in contrasto con quella presa dal sindaco De Magistris che ha in Campania bisogna creare un clima positivo per cui ha annunciato di non voler rinunciare alle luminarie di Natale 2020.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più