Santobono, la zia di un neonato ricoverato per Covid-19: “Grazie di cuore, Dio benedica il vostro operato”

All’ospedale Santobono Pausillipon continuano i ricoveri per Covid-19 ma la professionalità e il grande senso di umanità degli operatori sanitari continua senza sosta. A testimoniarlo è la zia di un neonato ricoverato in TIN che ringrazia il personale del nosocomio.

Queste le sue parole: “Cari dottori e operatori, sono la zia del piccolo neonato ricoverato in TIN per Covid. Vi scrivo anche per conto dei miei genitori e nonni che pregano per voi e per il nostro piccolo guerriero. Con l’ausilio della webcam state permettendo di vedere il piccolo ai genitori ed è un sollievo per questi giovani ragazzi che sono distrutti dalla collera. Grazie di cuore, Dio benedica il vostro operato e vegli su tutti i bimbi e tutti noi.”

Di qui il commento dei sanitari: “L’ospedale pediatrico è un luogo speciale in cui bisogna preoccuparsi del piccolo ricoverato ma anche della famiglia che lo accompagna. Noi sappiamo quanta ansia vivono le nostre mamme ed i nostri papà. Permettergli di vedere il proprio bimbo, seppur solo in telecamera, è un atto di umanità doveroso per chi, come noi, conosce bene le angosce e le paure che accompagnano il ricovero di un figlio.”

Ospedale Santobono Pausillipon, la piccola Raffaella continua a danzare

Un ringraziamento particolare, oltre alla zia del piccolo, viene rivolto al Cardinale Sepe e alla Chiesa di Napoli che hanno contribuito alla realizzazione del progetto di installazione delle telecamere in reparto.

Di qui, la dolce risposta delle infermiere che, dopo aver letto il messaggio, hanno pensato di rivolgere un pensiero ai genitori del piccolo. Durante il collegamento, infatti, hanno mostrato un cartello con su scritto ‘mamma e papà vi voglio bene’, proprio accanto al loro bambino. Un piccolo gesto per farli sentire ancora più vicini al loro piccolo.

Il Santobono Pausillipon, in questo periodo in cui i ricoveri per Covid-19 richiedono l’isolamento dei piccoli pazienti, non abbandona le famiglie.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più