De Luca indagato, Salvini: “Pensi ai campani, non ai suoi fedelissimi e alle dirette social”

salviniMatteo Salvini ha commentato la vicenda giudiziaria che vede coinvolto il Presidente Vincenzo De Luca. È ormai risaputo che tra i due non scorra buon sangue, così il Leader della Lega non ha perso l’occasione per rivolgere un commento pungente al Governatore Campano.

In queste ultime ore la Procura regionale della Corte dei Conti della Campania ha depositato un atto di citazione in giudizio nei confronti di De Luca. Ciò per la promozione di quattro vigili urbani, nonché suoi autisti, a dirigenti dello staff della segreteria. Il danno stimato dalla magistratura ammonterebbe a 403 mila euro.

A tal proposito Salvini, sul proprio account Twitter, ha scritto: “La Corte dei Conti chiede più di 400 mila euro di risarcimento a De Luca per la promozione nel suo staff di alcuni vigili di Salerno. Tutti i campani meriterebbero le stesse attenzioni che il Presidente del Pd dedica ai suoi fedelissimi e alle dirette sui social.”

La notizia dell’indagine giudiziaria legata al Presidente campano è sbalzata da un media all’altro lo scorso settembre, in occasione della campagna elettorale. Già allora Salvini si era pronunciato in maniera simile commentando l’episodio del rogo tossico che colpì la città di Giugliano: “Ci risiamo. Rifiuti in fiamme e aria irrespirabile, nell’indifferenza di Comune, Regione e Viminale. Il Governatore De Luca tace ma dovrebbe trattare tutti i cittadini con la stessa attenzione amorevole dedicata ai suoi numerosi autisti.”

De Luca, dal suo canto, aveva messo in luce la strumentalizzazione di quell’episodio ai fini elettorali, essendo la vicenda risalente al 2017. Nonostante ciò, è riuscito lo stesso a sbaragliare ampiamente la concorrenza.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più