Conte: tutta Italia in zona rossa, pranzi e cene con sole 2 persone. Cosa si può fare

Il presidente Giuseppe Conte è intervenuto in diretta per annunciare la zona rossa, alternata a quella arancione, in tutta Italia durante le festività natalizie: “Il virus si lascia piegare ma non si lascia sconfiggere. Il CTS ha espresso forte preoccupazione per gli assembramenti e la forte voglia di convivialità. Per cui dobbiamo intervenire con nuove misure più restrittive. Abbiamo da poco chiuso un Consiglio dei Ministri e approvato le norme con decreto legge”.

ZONA ROSSA

Zona rossa in vigore nei giorni festivi e prefestivi, ossia il 24 – 25 – 26 – 27 – 21 dicembre, e 1 – 2 – 3 – 5 – 6 gennaio. Si potrà uscire di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute. Sarà possibile però ricevere in casa fino a 2 persone non conviventi  dalle ore 5.00 alle 22.00, più i minori 14 anni, disabili e non autosufficienti che sono esclusi dal computo.

Leggi anche – Campania in zona gialla: cosa cambia

Una decisione per consentire un minimo di socialità. Consentita l’attività motoria nei pressi della propria abitazione e l’attività sportiva in forma individuale. Chiusi bar, ristoranti e attività commerciali ad eccezione di quelle essenziali. Chiese aperte fino alle 22.

ZONA ARANCIONE

La zona arancione si avrà nei giorni feriali, ossia 28 – 29 – 30 dicembre e 4 gennaio. Ci si potrà spostare solo nei comuni di abitazione e residenza senza autocertificazione. Chi vive nei comuni con meno di 5mila abitanti potrà spostarsi nel raggio di 30 chilometri ad eccezione dei capoluoghi di provincia. Chiusi bar e ristoranti, asporto e consegne fino alle 22. Negozi aperti fino alle 21.

Potrebbe anche interessarti