Salvini a caccia di consensi: “Io a Natale esco lo stesso per aiutare i clochard”

Stamattina è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il dpcm Natale, e Matteo Salvini non poteva non approfittarne per sollevare altre sterili polemiche.

Così il leader del Carroccio, in una diretta sulla sua Pagina Facebook, si è lanciato in un’invettiva contro il Governo che, a suo dire, starebbe “litigando” da giorni sulle misure da adottare nelle feste natalizie. Non manca l’occasione per tuonare contro gli immigrati, come suo solito, perché intanto al Senato avrebbero la gravissima colpa di star discutendo anche dell’emergenza immigrazione, oltre che della pandemia.

L’aspetto che ci sorprende di più però è un altro. Dopo aver ironizzato sul fatto che “per il Governo la vera emergenza ora è aprire i porti”, Salvini fa un annuncio in vista del Natale. “Mi autodenuncio. Se la scelta del governo sarà che il 24, 25 e 26 non si può uscire di casa, neanche per portare una coperta o un piatto caldo a chi dorme in strada e ha freddo, io lo farò lo stesso, come da anni sono abituato a fare.

“Portare dei doni ai bimbi sfortunati il giorno della Vigilia, pranzare insieme ai clochard il giorno di Natale. Portare un piatto caldo a chi non ha la fortuna di avere un tetto, una famiglia con cui condividere questi giorni, e dorme in strada”.

In modo molto poetico, Salvini afferma quindi: “Non potete chiudere in casa il cuore e la voglia di aiutare degli italiani“. Il ragionamento del leader leghista è molto semplice: non è ammissibile pensare di aprire i porti in questo momento, e far entrare in Italia “scafisti e clandestini”, ma è una priorità consentire agli italiani di uscire per aiutare i senzatetto.

Forse il leader del Carroccio dimentica che, in mezzo a quegli “scafisti e clandestini” di cui parla, ci sono tante altre persone che soffrono la fame e il freddo, esattamente come i clochard. Ma pur di accaparrarsi consensi e ingaggiare una battaglia contro il Governo, Salvini non esita a speculare anche su situazioni tragiche.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più