Natale in casa Cupiello, critiche da Josi e Talarico: “Eduardo è un’altra cosa. Lasciatelo riposare in pace”

natale in casa cupiello

Ieri sera tutta Italia, o quasi, sicuramente tutta Napoli, era avanti alla tv per seguire il film evento basato sulla rivisitazione di “Natale in casa Cupiello” firmata dal regista De Angelis.

Un capolavoro della commedia napoletana classica trasportato nell’era “moderna” degli anni 50, un Lucariello interpretato da Sergio Castellitto che però non ha convinto tutti. Il paragone tra le due opere – anche se non doveva essere fatto – è stato inevitabile per tutti, e soprattutto i più legati alla tradizione non hanno apprezzato il cambiamento ritenendo che questo film fosse una forzatura.

I primi ad esprimersi contro la rivisitazione del film sono stati il sindaco di Bacoli, Josi Gerardo Della Ragione e l’artigiano Mario Talarico – famoso ombrellaio di Napoli.

Talarico, tra l’altro autore dell’ombrello che Lucariello ha in mano durante la famosa scena del canto natalizio e delle stelline di Natale, si è espresso così sul film: “Tutto sbagliato in questa commedia rivisitata!! I vestiti di umili lavoratori dell’epoca sono in realtà abiti da cerimonia, scatti di ira, donna Concetta che con in cacchi in testa che ha per via di Ninuccia e Nicolino, e dopo aver sofferto per uno scatto di rabbia, si mette a ballare per far evidenziare la musica di Avitabile…POVERO EDUARDO!!!

 

Tutto sbagliato in questa commedia rivisitata!! I vestiti di umili lavoratori dell’epoca sono in realtà abiti da…

Pubblicato da Mario Talarico su Martedì 22 dicembre 2020

Josi Della Ragione, invece, ha paragonato la commedia originale di Eduardo ai più grandi capolavori d’arte come la “Gioconda” e la “Pietà”, ritenendo che certe opere non si possano replicare.

Sergio Castellitto è un attore immenso. Ma “Natale in Casa Cupiello” è un’opera non replicabile. Nessuno mai si sognerebbe di ridipingere la “Gioconda” di Leonardo, di duplicare la “Pietà” di Michelangelo, di riscrivere la “Divina Commedia” di Dante. Sono patrimoni dell’umanità, pezzi unici. “Ma io non mi faccio capace! Ma lo capisci che il Presepio è una cosa religiosa?”. Eduardo De Filippo è n’ata cosa. Fatelo riposare in pace.

 

Sergio Castellitto è un attore immenso. Ma “Natale in Casa Cupiello” è un’opera non replicabile. Nessuno mai si…

Pubblicato da Josi Gerardo Della Ragione su Martedì 22 dicembre 2020

Potrebbe anche interessarti