Vaccino italiano, incoraggianti i primi risultati: efficacia al 92% con una sola dose

vaccino italianoSono decisamente buoni i primi risultati della sperimentazione del vaccino italiano, prodotto da ReiThera in collaborazione con l’Istituto Pascale di Napoli. Il vaccino è stato sperimentato all’Istituto Spallanzani di Roma, e il bilancio della fase 1 appare molto positivo.

Queste le parole di Roberto Speranza, Ministro della Salute: “Sono incoraggianti i primi risultati del vaccino sviluppato da ReiThera e sperimentato all’Istituto Spallanzani. Se si confermeranno i dati ottenuti finora avremo nei prossimi mesi un vaccino efficace e sicuro con una sola dose invece che con due dosi.

Si tratta di un risultato fondamentale poiché, come sottolinea Speranza, il vaccino ReiThera “sarà prodotto interamente nel nostro Paese. È importante continuare ad investire sulla ricerca italiana e sulle sue eccellenze scientifiche”.

Leggi anche: Nuovo dpcm-le regole dal 7 al 15 gennaio

A questo proposito è intervenuto anche il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito. Queste le sue dichiarazioni all’Ansa: “Abbiamo arruolato 100 persone e 45 sono state vaccinate con dosi diverse e tutti sono arrivati alla fine per la valutazione di sicurezza: il vaccino non ha avuto alcun avvento avverso grave nei primi 28 giorni dalla vaccinazioni, un risultato migliore rispetto a Moderna e Pfizer che hanno avuto effetti indesiderati.

l picco di produzione di anticorpi a 4 settimane resta costante ed il vaccino è ad una sola dose. Ha dimostrato di essere sicuro, di avere capacità di indurre risposta immunitaria degli adulti e la risposta è simile a quella di altri vaccini con due dosi. Il 92,5% dei vaccinati ha avuto livello di anticorpi rilevabili e con una singola dose abbiamo risultati in linea con Moderna e Pfizer”.

Come aveva anticipato il prof. Ascierto, il vaccino italiano potrebbe essere disponibile per la prossima estate, non prima di giugno-luglio. A breve sarà avviata la fase 2 di sperimentazione: come il primo step, anche il secondo durerà tre mesi ed avrà lo scopo di testare tossicità e dosaggi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più