Vandalizzato l’Istituto Troisi di Napoli, rubati LIM e PC: così si sottrae il futuro ai bambini

Un altro atto vandalico verso la comunità scolastica di Napoli. Dopo la distruzione delle finestre dell’asilo in Parco Ventaglieri, è stato preso di mira anche l’istituto comprensivo Troisi a Pianura. I vandali hanno asportato gli infissi per poi introdursi nella scuola per rubare LIM, videoproiettori, computer e materiali didattici.

A renderlo noto è stato l’Assessorato alla Scuola del Comune di Napoli. L’assessore Annamaria Palmieri ha dichiarato: “La città ha bisogno di scuola, i bambini e le bambine hanno bisogno di spazi loro e di stare insieme ai coetanei e mentre li si tiene fuori c’è chi ne approfitta per usare lo spazio scolastico come terra di nessuno. Un gesto vile e che mi auguro smuova le coscienze più sensibili di questa città, per aiutare la scuola che al momento è resa inservibile ed esposta a rischi per i quali si renderà necessaria una vigilanza che la scuola non ha, e che richiama tutto il territorio ad una responsabilità. Faremo di tutto per ripristinare con urgenza le condizioni di sicurezza, ma dobbiamo tutti insieme sdegnarci per il disvalore che questo terribile gesto rappresenta. Napoli ha bisogno di una scuola forte, e c’è invece chi in modo criminale si impegna ad indebolirla e sfiancarla“.
Come se la situazione non fosse già difficile per tutti gli studenti sfiniti dalla DAD, adesso l’impresa di ritornare tra i banchi sarà ancora più dura per i ragazzi della periferia di Napoli.

Ennesimo sfregio alla scuola napoletana.

Mentre si lavora faticosamente a trovare la quadra per la riapertura delle…

Pubblicato da Assessorato alla Scuola e all’Istruzione su Martedì 5 gennaio 2021

Potrebbe anche interessarti