Ospedale Veterinario ASL di Napoli: approvato il progetto di ampliamento

coronavirus animali

È in giornata che l’amministrazione comunale, ha approvato la realizzazione del progetto di ampliamento e ristrutturazione dell’Ospedale Veterinario ASL Napoli 1 centro C.R.I.U.V. Il progetto è nato su una proposta dell’assessore dei beni culturali e dell’urbanistica Carmine Piscopo. 

L’ospedale si trova nel complesso del Frullone in via Comunale del Principe. Nasce con la delibera della regione Campania del 30/12/2009 ed è definito strumento operativo ed analisi del rischio che mette a punto protocolli, linee guida e strategie nelle singole realtà territoriali campane. Grazie al C.R.I.U.V. Si è avviato un processo di cambiamento pensando prima di tutto con all’igiene urbana veterinaria. La struttura è in grado di ospitare svariate specie di animali, non solo domestiche ma anche selvatiche e da fattoria, assistendole con tutte le dovute cure.

Il progetto Veterinario

Il progetto prevede la riqualificazione di quattro blocchi edilizi già esistenti. Il riutilizzo attraverso il risanamento di un vecchio rudere destinato ad attività e spazi amministrativi. La realizzazione di un nuovo corpo di fabbrica e a sistemazione di due aree esterne. La struttura veterinaria quindi, che già conta vari servizi avrà a sua disposizione questi complessi. Che permetteranno di allargare la vastità delle cure e dell’assistenza, che l’ospedale può dare.

Le principali nuove funzioni che si accorperanno alle precedenti sono, nel dettaglio:
– Funzioni didattiche e direzionali;
– Locali di degenza e di supporto all’attività ospedaliera;
– Reparti specialistici, settore CRAS – Centro di Recupero Animali Selvatici, settore isolamento;
– Attività chirurgica e radiologica;
– Due aree esterne, da destinare ad orti e fattoria didattica.

Una svolta totalmente positiva quindi, che permette al complesso veterinario di diventare uno dei migliori del territorio. Come già infatti dichiarato dall’assessore Piscopo: ”Si andranno a implementare le attività sanitarie, didattiche e di ricerca già presenti all’interno del Complesso Ospedaliero Veterinario napoletano. Grazie ad una proficua collaborazione Istituzionale e grazie al Consiglio Comunale, Napoli si doterà di un Polo veterinario di eccellenza per il Mezzogiorno. Aspettiamo quindi solo i lavori di quello che sarà probabilmente uno dei più grandi centri d’accoglienza per animali. Il minimo che possiamo fare noi umani per ringraziarli, di averci salvato durante il lockdown.

Potrebbe anche interessarti