GORI, nuovo sistema per ottimizzare la depurazione delle acque: “Protagonisti di un’azione unica”

Continua l’impegno di GORI per ottimizzare il ciclo di depurazione delle acque: una nuova sperimentazione, avviata a Massa Lubrense, sta dando risultati incoraggianti. L’ente, con la collaborazione di Idrabel e Soltar, ha sviluppato un modello di gestione alternativo ed innovativo.

GORI, depurazione delle acque: nuova sperimentazione a Massa Lubrense

Si tratta di un sistema biologico che consente di degradare gli accumuli di materia organica presenti nella rete fognaria e nelle vasche degli impianti di sollevamento. Lo scopo è quello di ridurre il carico inquinante che arriva ai depuratori, prevenendo il rischio di sovraccarichi, cattivi odori e intasamenti, favorendo una gestione sempre più sostenibile delle infrastrutture.

Il progetto consiste nell’installazione, all’interno degli impianti di sollevamento, di blocchi fissi che permettono il rilascio di microorganismi, e nell’applicazione settimanale, nei capitesta della rete fognaria comunale, di un prodotto granulare sempre composto da microorganismi in grado di dissolvere nel tempo e con costanza tutti gli accumuli organici presenti. Una criticità particolarmente frequente soprattutto nei territori caratterizzati da numerosi dislivelli e da incrementi stagionali di popolazione considerevoli.

“Grazie all’utilizzo di queste nuove tecnologie diventiamo protagonisti di un’azione unica, che ci consentirà di utilizzare la rete fognaria non come un mero mezzo di trasporto dei liquami verso il depuratore, ma come un vero e proprio bioreattore” – ha commentato Giovanni Paolo Marati, Amministratore delegato di GORI.

“In tal modo, saremo in grado di ridurre l’impatto ambientale del convogliamento dei reflui e di migliorare ulteriormente la qualità del servizio di depurazione, con un approccio sempre più attento alla sostenibilità ambientale” – ha concluso.

L’impresa, tuttavia, richiede una collaborazione unanime da parte dei cittadini. Risulta, infatti, fondamentale evitare di utilizzare gli scarichi domestici per disfarsi di rifiuti solidi e sanitari, Inoltre bisogna separare gli oli e i grassi utilizzando il sistema comunale previsto per il loro smaltimento.

Potrebbe anche interessarti