Il Tar ancora contro De Luca: medie e superiori in classe da febbraio

de luca tar superioriDopo il ritorno in classe delle elementari e delle medie, con la decisione del Tar Campania che aveva accolto il ricorso presentato da alcune famiglie e dal gruppo Pillole di Ottimismo, arriva ora una nuova sentenza a favore dei no dad.

Come annunciato ieri dall’assessore regionale alla scuola Lucia Fortini, il Tar della Campania si è pronunciato oggi sugli studenti delle superiore accogliendo anche questo ricorso: almeno il 50% dei liceali dovrà infatti tornare in presenza entro e non oltre il primo febbraio. Uniformata alla Campania le decisioni contenute nell’ultimo dpcm del premier Giuseppe Conte.

Ad anticipare la decisione è ‘Il Mattino’ che riporta un passo della sentenza:

“Ritenuto, pertanto, che idonea misura cautelare al soddisfacimento delle ragioni dei ricorrenti, nelle more della trattazione collegiale dell’istanza cautelare fissata come in dispositivo, possa essere piuttosto l’ordine impartito alla Regione Campania di conformarsi a quanto prescritto nel citato D.P.C.M. per le scuole secondarie superiori, previa ricognizione degli atti attuativi e proattivi necessari a rendere effettiva la didattica in presenza nei limiti quantitativi, minimi e massimi, prescritti, e, dunque, per un verso finalizzati a definire la concreta percentuale di studenti ammessi alla didattica in presenza, con emanazione di eventuali atti di indirizzo generali ovvero demandandone l’attuazione ai dirigenti scolastici, e, per altro verso, a individuare, ove necessario, le eventuali misure di supporto al servizio scolastico in presenza, con riferimento perspicuo, ma non unico, al servizio di trasporto pubblico, alla luce e sulla base delle risultanze dei tavoli tecnici competenti, fermo il rispetto delle ulteriori misure di contenimento e precauzionali disciplinanti i singoli settori di attività (rispetto delle distanze interpersonali, obbligatorio utilizzo di dispositivi di protezione individuale, ecc.);

Ritenuto poi di dover individuare, ai fini sopra indicati, il termine, ritenuto congruo tenuto conto delle attività richieste – ma anche in ragione dello stato avanzato dell’anno scolastico in corso, oramai alle soglie del secondo quadrimestre, e dunque consumato per la metà circa – dell’1 febbraio 2021, peraltro come auspicato nella stessa citata nota dell’Unità di crisi, quale termine massimo per la completa conformazione alle disposizioni del D.P.C.M. 16 gennaio 2021, e dunque quale “deadline” per il rientro in presenza della percentuale minima/massima degli studenti delle scuole secondarie superiori, previa emanazione degli atti sopra indicati, ove reputati necessari, salva la possibilità di anticipare, ove le condizioni locali lo consentissero, il rientro in presenza del contingente di studenti individuato”.

Potrebbe anche interessarti