Napoli, ambulanza tenuta in ostaggio: “O spegni le sirene o ti sparo”

Napoli – aggressione ad un’ambulanza. E’ appena iniziato il secondo mese dell’anno e sono già otto le aggressioni che i sanitari hanno subito in questo 2021.

Aggressione a Giugliano e Frattamaggiore

L’ultima in ordine di tempo risale a sabato scorso, quando l’equipaggio di un’ambulanza, diretta nei Quartieri Spagnoli, è stata accerchiata da alcuni individui. Questi hanno intimato di spegnere le sirene dell’ambulanza e hanno tenuto in “ostaggio” l’equipaggio fino all’arrivo delle forze dell’ordine.

A raccontare l’aggressione all’ambulanza avvenuta a Napoli è l’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” – sempre attivi a difesa della categoria – sulla propria pagina facebook:

È accaduto alla postazione 118 di Pietravalle sabato sera intorno alle 20.00, l’equipaggio era diretto a scala Montesanto (quartieri spagnoli- Napoli) improvvisamente vengono affiancati da due loschi figuri su un motociclo che bussando violentemente sulla fiancata del mezzo fermano la corsa ed esclamano: “Hai capito che qui le sirene non le devi usare? Spegnile altrimenti ti sparo” e successivamente una serie di offese non ripetibili.

L’autista impaurito allerta le FFOO. Nell’attesa dell’arrivo della polizia l’equipaggio resta in ostaggio del quartiere senza potersi muovere in quanto i facinorosi facevano ronde continue intorno a loro!
Arrivati i poliziotti ,i sanitari vengono letteralmente scortati a sirena fuori dal quartiere!

Purtroppo il problema delle “sirene non gradite” è molto comune a Napoli , ci sono quartieri dove sono bandite, tipo Sanità , quartieri spagnoli, rione traiano. Evidentemente le sirene sono “non gradite” poiché il paziente all’interno non è un loro congiunto!“.

 

“O spegni le sirene o ti sparo!”

Aggressione n.8 del 2021

È accaduto alla postazione 118 di Pietravalle sabato sera…

Pubblicato da Nessuno tocchi Ippocrate su Lunedì 1 febbraio 2021

Potrebbe anche interessarti