Scuola, l’allarme del direttore ASL: “+32% di studenti positivi in due settimane”

bimba disabile primo giorno di scuola

Ciro Verdoliva, direttore dell’Asl Napoli 1, è intervenuto ai microfoni di Radio Crc, nel corso della trasmissione ‘Barba&Capelli’, facendo il punto sulla situazione coronavirus nelle scuole, a pochi giorni dalla riapertura generalizzata.

Verdoliva, coronavirus nelle scuole

Stando all’ultimo bollettino diffuso si evince un incremento di casi positivi riscontrato negli ultimi 15 giorni. Nello stesso periodo sono stati rilevati (a seguito di segnalazioni dei dirigenti scolastici) i positivi anche in DAD (per medie e superiori). Nello specifico, nel periodo che va dal 14 gennaio al 1 febbraio 2021 si riportano i dati di seguito elencati.

Per le scuole dell’infanzia e elementari sono risultati positivi al covid-19 il 12,39% dei docenti, il 3,33% dei non docenti e il 32,97% degli studenti. Per le scuole medie a contrarre il contagio sono stati il 5,08% dei docenti, il 2,13% dei non docenti e il 6,72% degli studenti. Infine, per le superiori la positività al virus è stata riscontrata nel 2,63% dei docenti, nel 6,85% dei non docenti e nel 6,56% degli studenti.

Di qui le parole di Verdoliva: “I positivi ci sono, lo sforzo delle Asl è fortissimo come quello dell’assistenza domiciliare Covid. I numeri dimostrano quanto il virus sia presente e quali siano gli sforzi per combattere la pandemia. Dipende dal rispetto delle regole, dalle scelte e dai vaccini. Nella scuola abbiamo un incremento tra gli studenti, negli ultimi 15 giorni è pari al 32%.”

Quanto ai vaccini: “Rispetto ai vaccini per l’Asl Napoli 1 siamo a 24.550, ne restano come seconda dose 4mila su 15mila. Ci restano ancora 14mila vaccini da somministrare, questa mattina ci aspettiamo 7.020 dosi e speriamo di completare entro il 12 febbraio la seconda dose così per questa data potremo poi partire con gli ultra 80enni.

Infine, sugli spazi adibiti a Vaccine Covid Center: “Alla Mostra d’Oltremare c’è una capacità di 4-5mila vaccini al giorno e dopo gli iniziali disservizi ci siamo organizzati. Stiamo valutando altre possibilità affinché i cittadini trovino il luogo più vicino alla propria residenza. Tutti quelli che avranno la somministrazione saranno convocati via sms e chiediamo che venga rispettato l’orario indicato per evitare file.”

Potrebbe anche interessarti