Varianti covid, l’Oms avverte: “Ce ne saranno altre, vaccino da rafforzare”

varianti covidL’Europa deve unirsi per combattere le varianti covid. È l’appello lanciato dal direttore regionale dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) per l’Europa, Hans Kluge, che si è detto preoccupato per la minaccia che queste rappresentano rispetto all’efficacia dei vaccini finora prodotti.

“Dobbiamo prepararci per altre mutazioni problematiche del virus – avverte Kluge – che saranno da contrastare con un ulteriore rafforzamento del sequenziamento. Servirà il contributo di tutti i laboratori a disposizione.”

Le temute varianti del covid-19 sono accomunate dal mutamento della proteina spike, quella che riveste il virus. Nel corso del tempo il numero individuato dagli scienziati è aumentato. Alle varianti inglese, brasiliana e sudamericana si è recentemente aggiunta quella californiana, scoperta da due gruppi di ricerca indipendenti che l’hanno rilevata nel 4% dei 185 infetti analizzati tra il 22 Novembre e il 13 Dicembre. La presenza della variante ha superato il 25% dei casi tra il 14 dicembre e il 3 gennaio.

Malgrado alcuni studi condotti sui vaccini abbiano fornito risultati incoraggianti, la continua evoluzione delle mutazioni resta un’incognita tutta da verificare. Varianti che sono già arrivate in Italia, specialmente in Abruzzo. E un allarme viene lanciato dal direttore del laboratorio di Genetica molecolare – Test Covid-19 dell’Università di Chieti, Liborio Stuppia:

“Stimiamo che il 40% dei casi di coronavirus emersi a Pescara negli ultimi giorni sia dovuto ad una variante, molto probabilmente quella inglese, che sta circolando rapidamente sul territorio. Potrebbe essere questa la spiegazione della crescita dei numeri”. 

 

Potrebbe anche interessarti