Portici, +56 positivi tra alunni e personale scolastico: chiusa una scuola

portici chiusura scuola

Anche il Comune di Portici, causa covid, ha deciso per la chiusura di una scuola. Visto l’incremento dei contagi all’interno dell’istituto, le attività scolastiche in presenza saranno sospese fino al 17 febbraio 2021.

Portici, chiusa scuola fino al 17 febbraio 2021

Il sindaco Enzo Cuomo ha diffuso i dati dei contagi registrati in ogni plesso. A detenere il maggior numero di positivi è l’IC 5 Santagata Via Caportano con 22 studenti e 12 tra docenti e operatori scolastici contagiati, per un totale di 34 persone. Per questo il Dirigente Scolastico del Plesso su proposta della UOPC ASL NA 3 SUD ha optato per il ritorno in dad.

Segue l’Istituto La Girandola con sei alunni positivi al covid. L’IC 5 Santagata Via Poli conta 5 contagi tra gli studenti mentre all’IC Da Vinci Comes ne sono 3. Al Don Peppe Diana Via M. di Via Fani e e all’IC Don Bosco Melloni (via Roma) si rilevano 2 alunni positivi. In generale, nella città di Portici sono 43 gli studenti positivi e 13 dipendenti tra personale docente e non docente, per un totale di 56 contagiati.

Questa la comunicazione del sindaco: “Questa è la situazione per ogni singola scuola aggiornata al 9 febbraio 2021. Rispetto alla comunicazione precedente abbiamo inserito anche i dati delle scuole private. Complessivamente sono 50 i contagiati dal covid negli Istituti Comprensivi e 6 nelle scuole private. Su proposta della UOPC ASL Na 3 Sud è stata disposta dal Dirigente scolastico del Plesso Caportano la sospensione della didattica in presenza fino al 17 febbraio 2021.”

Quanto al tracciamento dei contatti precisa che: “Le persone che hanno avuto un contatto stretto con le persone risultate positive all’esito del tampone, saranno poste in isolamento domiciliare per 14 giorni, dal decimo giorno dal contatto, su base volontaria, potranno effettuare il tampone presso l’Istituto Zooprofilattico previo specifico appuntamento di cui darà loro comunicazione la scuola di appartenenza.”

“Con una grande collaborazione tra Istituzioni stiamo intervenendo nella risoluzione di problematiche che non rientrano nelle nostre responsabilità e nelle nostre competenze. Riteniamo di farlo nel superiore interesse della tutela della salute dei nostri cittadini.”

Intanto la Regione Campania, nella giornata di ieri, si è espressa sulle decisioni da adottare in merito al mondo scolastico, relegando le responsabilità a sindaci e prefetti. Ciò per evitare chiusure generalizzate e valutare la situazione caso per caso.

Potrebbe anche interessarti