Vaccino anti covid, l’Asl Napoli 3 Sud prima in Campania a mettere in campo i medici di famiglia

L’Asl Napoli 3 Sud non ha ancora iniziato la somministrazione del vaccino agli over 80 ma ha trovato un accordo con i medici di famiglia per farli entrare nel team di supporto. A differenza dell’Asl Napoli 2 Nord che ha scelto il Parco Vanvitelliano del Fusaro per accogliere gli over 80, gli anziani dell’Asl Napoli 3 Sud potranno contare sui medici di base.

Nella lotta al covid c’è bisogno di tutte le forze possibili ed è per questo che parte dall’ASL Napoli 3 Sud la somministrazione delle dosi di vaccino anti Covid con l’impiego dei medici di medicina generale. È infatti l’ASL diretta da Gennaro Sosto la prima in Campania a siglare con i principali sindacati di categoria un accordo che con ogni certezza sarà poi replicato in tutte le differenti realtà territoriali.

La firma dell’intesa avverrà domani (venerdì 19 febbraio) e vedrà, oltre alla direzione strategica dell’ASL Napoli 3 Sud, la presenza per FIMMG del fiduciario aziendale Ciro Cozzolino. “Grazie a questo accordo, che è perfettamente in linea con l’intesa sottoscritta a livello nazionale – dice Vincenzo Schiavo, segretario vicario di FIMMG Campania, – i cittadini potranno avere il vaccino con l’assistenza di quegli stessi medici di famiglia che da sempre si prendono cura della loro salute“.

Nella sua parte pratica, l’accordo prevede l’individuazione di 30 siti vaccinali di concerto tra l’ASL Napoli 3 Sud e i sindaci di 30 Comuni afferenti al territorio di competenza della stessa ASL. L’Azienda sanitaria locale provvederà invece a fornire un operatore informatico, due infermieri e due medici di medicina generale su turni di 6 ore ciascuno.

Il tutto con il supporto delle AFT che si riserveranno di indicare il nome dei medici anche frazionando le 6 ore tra medici diversi, che ad ogni modo saranno sempre presenti in coppia. Si parte la prossima settimana con gli Over 80 ai quali sarà somministrato il vaccino Pfizer e Moderna.

Potrebbe anche interessarti