La variante inglese arriva a San Giorgio a Cremano: positivo anche uno studente, chiusa la scuola

san giorgio variante inglese
Foto fb Giorgio Zinno

La variante inglese continua a circolare in Campania e ora arriva anche a San Giorgio a Cremano. Come comunicato dal sindaco, Giorgio Zinno, uno studente è risultato positivo al covid, contagiato dalla variante inglese. Per questo il primo cittadino ha predisposto la chiusura dell’intera scuola e tamponi per tutti i compagni di classe. La variante inglese infatti è molto contagiosa e bisogna bloccarne la circolazione sul nascere.

Questo il post su Facebook di Giorgio Zinno che spiega come sono cambiate le misure di contenimento per chi è positivo alla variante inglese:

“Cari concittadini, ci troviamo purtroppo in queste ore a dover fronteggiare una nuova potenziale minaccia.
Come molti di voi avranno saputo, le mutazioni del Covid-19 si stanno diffondendo in tutta Europa. L’Italia sfortunatamente non fa eccezione. I primi casi della cosiddetta “variante inglese” (identificabile dai referti dei tamponi come “Positivo con gene S Drop Out”) sono stati registrati oggi per la prima volta anche a San Giorgio a Cremano. Per la variante in questione il Ministero della Salute ha adottato nuove misure di contenimento, illustrate nella circolare n. 3787 del 31/01/2021.

I giorni di isolamento per i soggetti positivi passano da 10 a 14, analogamente al periodo di quarantena per i relativi contatti, rintracciabili in questo caso fino a due settimane prima dell’ultimo incontro con il contagiato e da sottoporre a tampone nell’immediato per le necessarie verifiche di sorta”.

Tra i casi c’è anche l’alunno di una scuola:

Le nuove disposizioni andranno inevitabilmente a incidere anche sulla situazione delle scuole del territorio: tra i positivi di oggi registriamo infatti anche un alunno del plesso Don Milani. Il lavoro dell’ufficio Uopc dell’Asl ha permesso di intraprendere provvedimenti tempestivi nei confronti della classe e del personale docente venuti a contatto con lo studente. In totale sono 25 le persone per cui è stata già disposta la quarantena domiciliare fiduciaria.

L’impossibilità di garantire il rispetto del distanziamento all’esterno del plesso (in questi casi almeno due metri anche indossando la mascherina) e la più stringente definizione di “contatto” illustrata all’interno della suddetta circolare mi hanno tuttavia spinto, dopo un consulto con i vertici dell’Uopc, a prendere provvedimenti immediati per la salvaguardia della platea scolastica con un’ordinanza firmata pochi minuti fa. In attesa dell’esito dei tamponi di controllo da effettuare nelle prossime ore su tutti i compagni di classe del caso indice, l’intero plesso Don Milani resterà chiuso fino a lunedì. Solo la negatività alla variante dell’intera classe permetterà infatti di arginare il potenziale rischio per tutti gli alunni, considerata l’alta contagiosità della nuova variante”.

Poi il sindaco spiega la sua decisione e fa un appello ai cittadini:

“Come ho detto fin da quando il Tar della Campania ha decretato la riapertura degli istituti scolastici, non esiterò in nessun caso a intervenire per la tutela della salute pubblica in caso di necessità.
Anche questa volta non mi tiro indietro, assumendomi tutte le responsabilità che il ruolo da sindaco mi impone. Il filo diretto tra Asl, Ente pubblico e scuole sta permettendo un controllo in tempo reale H24 dei poli didattici sangiorgesi: la situazione è costantemente monitorata e in caso di nuovi sviluppi siamo pronti, come amministrazione comunale, a valutare tutte le opportune decisioni. Nel frattempo faccio nuovamente appello al vostro senso di responsabilità, mostriamo ancora una volta di essere una grande comunità. Non abbassiamo la guardia, indossiamo sempre la mascherina anche all’aperto e manteniamo sempre il distanziamento interpersonale per fronteggiare al meglio anche questa nuova insidia”.

🔴🔴 COVID-19, A SAN GIORGIO A CREMANO I PRIMI CASI DI “VARIANTE INGLESE”: UN POSITIVO ALLA SCUOLA DON MILANI, PLESSO…

Pubblicato da Giorgio Zinno Sindaco su Martedì 23 febbraio 2021

 

Potrebbe anche interessarti