Francesco Vaia, direttore dello Spallanzani: “C’è chi lavora perché il Covid non abbia mai fine”

francesco vaia

Francesco Vaia, il direttore dell’Istituto Spallanzani di Roma, getta un’ombra enorme su quanto si sta facendo nella lotta al Covid-19. In un post che ha pubblicato su Facebook si riferisce esplicitamente a soggetti che avrebbero interesse affinché la pandemia non abbia mai fine, trascinandosi il più possibile.

“Senza tentennamenti. Senza scorciatoie ma anche senza alchimie propagandistiche. Non inseguiamo le varianti, studiamole; non assecondiamo chi auspica e lavora perché non abbia mai fine. Con forza e determinazione in Europa e dappertutto. Senza preclusioni e con lo sguardo dritto all’obiettivo vero: salvare le Persone, tornare alla normalità”.

A distanza di un anno dallo scoppio dell’emergenza in Italia, e dunque in Europa, quello che adesso preoccupa di più sono le varianti. I virus, com’è noto, sono soggetti a mutazioni e dello stesso Sars-Cov-2 gli esperti hanno detto fin dall’inizio che le avrebbe generate. In virtù di queste, oggi, si comincia a parlare di nuove restrizioni e nuovi lockdown.

Rispetto al 2020 tuttavia abbiamo già sviluppato dei vaccini, tendenzialmente efficaci anche contro le varianti, come quello di Johnson & Johnson appena approvato negli Stati Uniti. A prescindere dell’efficacia sulle mutazioni la campagna vaccinale, notevolmente rallentata dai ritardi delle case farmaceutiche, dovrebbe procedere perché arginando i contagi della forma “originaria” si limita anche lo sviluppo delle varianti. Gli Stati però dànno l’impressione di essere estremamente passivi e subordinati agli “umori” altalenanti dei produttori.

Senza tentennamenti.
Senza scorciatoie ma anche senza alchimie propagandistiche .
Non inseguiamo le varianti,…

Pubblicato da Francesco Vaia su Venerdì 26 febbraio 2021

Potrebbe anche interessarti