Esperimenti sul Covid: in Olanda 1.300 persone vanno a ballare in discoteca

Lo scorso sabato ad Amsterdam 1300 persone hanno partecipato ad una festa in discoteca per un esperimento scientifico sulla diffusione del Covid. L’evento si è tenuto allo Ziggo Dome, un’arena nella città olandese di Amsterdam. Una festa in discoteca con drink, assembramenti e tanta socialità come se fosse la fine della pandemia. Tutto questo per un esperimento voluto dal governo olandese per capire come poter monitorare il virus e come ritornare alla normalità.

Il costo di un biglietto è di 15€ e ci sono state 100mila prenotazioni per soli 1.300 posti. I partecipanti erano tenuti sotto stretto controllo, infatti erano tutti testati negativi al virus. Inoltre sono stati messi dei sensori sul corpo per studiare i loro contatti e movimenti. Sono stati serviti cocktail fluorescenti poter capire dove finissero le goccioline sprigionate durante le urla ed i canti. Tutti poi saranno testati dopo 5 giorni dall’evento.

Sono stati poi separati in 5 gruppi da 250 persone ed ogni gruppo stava in una bolla con delle regole ben specifiche. In una bolla le persone potevano gridare e cantare, in un’altra avevano l’obbligo di mascherina ed in un’altra ancora potevano stare senza mascherina. Insomma vari gruppi per capire come agisce il virus, in che modo dovrà poi avvenire la ripresa alla normalità e le regole da seguire in determinate situazioni.

In aggiunta sono stati fatti altri esperimenti come 500 persone ad una conferenza, con 1000 persone ad uno spettacolo di cabaret oppure con 1200 tifosi ad una partita di calcio. Il governo olandese sta studiando dunque la maniera più giusta ed ovviamente più sicura per riaprire quelle attività chiuse per la pandemia ed ovviamente una ripresa alla normalità.

Non è la prima volta che vengono fatti questi esperimenti per studiare il modus operandi di questo virus in posti chiusi e con assembramenti di persone, infatti quest’estate ci fu un maxi concerto a Lipsia per testare la diffusione del Covid.

Si vedrà l’esito di questi esperimenti quando saranno effettuati tutti i tamponi ai partecipanti. Si spera però che sia di buon auspicio per un ritorno alla vita e le nostre abitudini e la riapertura di tante attività chiuse per colpa del Covid.

 

Potrebbe anche interessarti