Napoli, un solo uomo ritirava buoni spesa con documenti falsi: arrestato per truffa

buoni documenti falsi

Ritirava buoni spesa destinati alle famiglie bisognose a causa del covid con alcuni documenti falsi, prendendone quindi più di quanti dovuti e senza averne diritto. Questa mattina gli Agenti della Polizia Locale di Napoli appartenenti all’Unità Operativa Investigativa Centrale, hanno arrestato un uomo di 48 anni, pregiudicato, con l’accusa di documenti falsi validi per l’espatrio, truffa e ricettazione.

Tutto è partito dalla segnalazione dell’Ufficio Comunale di Napoli che si occupa di erogare buoni tickets per famiglie indigenti causa Covid. Sospette erano state alcune richieste di persone che avevano fornito documenti d’identità non registrate nella banca dati del Comune partenopeo. Da qui è partita un’attività infoinvestigativa, con personale in abiti civili. Nel corso di vari appostamenti, e grazie anche alla segnalazione di un supermercato di via Argine, è stato scoperto l’accreditamento di una persona con documento sospetto. Gli agenti sono quindi intervenuti cogliendo l’uomo intento a fare la spesa e con il carrello ancora pieno di alimenti. Da analisi successivi, è stato accertato che il documento di identità fornito dall’uomo era falso e valido per l’espatrio, quindi è stato avvisato il P.M. che ha disposto la perquisizione domiciliare del soggetto fermato. A casa sono state trovate poi altre 5 carte di identità tutte contraffatte già munite di foto e con generalità false. L’uomo è stato arrestato.

Queste le parole dell’assessore alla polizia locale, Alessandra Clemente:

“Voglio esprimere la mia gratitudine allle donne ed agli uomini della polizia locale, per la loro tempestività ed il loro senso del dovere. Un intervento magistrale, frutto di organizzazione e lavoro investigativo. Penso di poter esprimere a tutti loro la gratitudine di tutti i napoletani perbene, di quelli civili, di quelli di cuore, di quelli che hanno riempito panieri di solidarietà togliendo qualcosa a se stessi per offrirlo a chi aveva ancora meno. Grazie!”

Soddisfazione è espressa anche dall’assessore al lavoro, Giovanni Pagano:

“Il Comune di Napoli è riuscito nei 12 mesi di pandemia a garantire più di 30.000 bonus spesa ai propri cittadini. L’emergenza non è finita, i sussidi in questo momento sono una necessità per migliaia di famiglie. E’ fondamentale mantenere controlli costanti per garantire che i bonus e le risorse arrivino a chi ne ha veramente bisogno. Non si può tollerare l’azione meschina di chi approfitta della solidarietà e dell’indigenza nella quale si trovano migliaia di persone nella nostra città.”

Potrebbe anche interessarti