Il Vaticano dice no alle benedizioni delle unioni omosessuali

vaticano unioni omosessuali

Dopo le affermazioni di Papa Francesco in favore delle coppie omosessuali, il Vaticano dice no alle benedizioni alle unioni di questo tipo. A stabilirlo è la Congregazione per la dottrina della fede con un documento approvato dallo stesso Papa che, qualche tempo fa, aveva affermato che: ‘”le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo“.

Le sue parole erano state, poi, ‘censurate’ dal Dicastero per la comunicazione. Dalla Congregazione del Vaticano le benedizioni delle unioni omosessuali sono considerate illecite perché:

“Costituirebbero in certo qual modo una imitazione o un rimando di analogia con la benedizione nuziale, invocata sull’uomo e la donna che si uniscono nel sacramento del matrimonio, dato che non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppur remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia”.

Il Vaticano ha voluto anche precisare che l’illeceità delle benedizioni, non deve essere intesa come un’ingiusta discriminazione, ma richiamare la verità del rito liturgico. Inoltre, non viene escluso che vengano impartite benedizioni a singole persone con inclinazione omosessuale. Il provvedimento è stato preso perché in alcuni ambiti della chiesa c’è stata la diffusione di proposte di benedizioni per unioni tra omosessuali. Nel comunicato si legge:

“Al genere dei sacramentali appartengono le benedizioni, con le quali la Chiesa «chiama gli uomini a lodare Dio, li invita a chiedere la sua protezione, li esorta a meritare, con la santità della vita, la sua misericordia»[4]. Esse, inoltre, «istituite in certo qual modo a imitazione dei sacramenti, si riportano sempre e principalmente a effetti spirituali, che ottengono per impetrazione della Chiesa».

Di conseguenza, per essere coerenti con la natura dei sacramentali, quando si invoca una benedizione su alcune relazioni umane occorre – oltre alla retta intenzione di coloro che ne partecipano – che ciò che viene benedetto sia oggettivamente e positivamente ordinato a ricevere e ad esprimere la grazia, in funzione dei disegni di Dio iscritti nella Creazione e pienamente rivelati da Cristo Signore. Sono quindi compatibili con l’essenza della benedizione impartita dalla Chiesa solo quelle realtà che sono di per sé ordinate a servire quei disegni”.

Potrebbe anche interessarti