Vaccino, sale la percentuale di persone vaccinate nonostante il caso AstraZeneca

numero vaccinati

Supera la soglia dei 3 milioni il numero di guariti da Covid in Italia, una delle poche notizie positive dall’inizio della pandemia. Alti anche il numero di vaccinati con due dosi, che supera i 3,5 milioni, mentre quasi 8 milioni hanno ricevuto almeno una dose. Dati in leggero calo negli ultimi giorni dato il caso AstraZeneca, che vede aumentare le disdette degli appuntamenti e rinvia un’altra consegna delle dosi.

Calo drastico di questi numeri riscontrato soprattutto nel weekend di Pasqua. Durante il fine settimana festivo riscontrato il minimo di tamponi fatti da gennaio, 216 mila in circa due giorni, e di somministrazioni, appena 255 mila. Alto il numero di decessi, più di 400 solo nell’ultima giornata, mentre i meno di 8 mila positivi sono dovuti ai pochi test.

Numero di vaccinati in Italia ed Unione Europea

Ovviamente, però, anche quando si raggiungerà un numero sufficiente di italiani vaccinati, i tamponi verranno ancora effettuati. Bisognerà infatti testare più persone possibile, come avvenuto in Gran Bretagna. La Nazione ha infatti vaccinato il 47% della popolazione con almeno una dose, effettuando 1,5 milioni di tamponi al giorno. Procedure differenti eseguite in Ungheria, le quali hanno portato ad un risultato preoccupante: con il 34% della popolazione vaccinata, il 31 marzo ha avuto 302 morti per aver riaperto tutto senza screening. Una vicenda che mette in guardia il resto dell’Unione Europea.

Secondo i dati riportati dal Ministero dell Salute, in Italia somministrate ad oggi il 54% delle dosi di AstraZeneca, il 50% delle dosi Moderna e il 96% dello Pfizer. In totale, quindi, somministrato circa l’80% del totale delle dosi dei tre vaccini elencati. Intanto però, aumenta sempre più la diffidenza popolare sul farmaco AstraZeneca. A Napoli, ad esempio, sono centinaia le persone che hanno chiesto di poter ricevere la dose Pfizer direttamente al centro vaccinale.

A causa di queste richieste si è riscontrato un ritardo sulle somministrazioni, mentre il 20-30% dei prenotati con AstraZeneca non si è presentato. Un dato raccolto dall’hub di Cagliari, i quali vede come maggiori disertori i docenti scolastici. Ciò che è certo è che le 8 milioni di dosi previste ad aprile, 6 delle quali Pfizer, non saranno sufficienti a vaccinare 500 mila persone al giorno previste nel piano nazionale. La campagna continuerà a puntare gli over 70, una fascia d’età molto colpita dai decessi. Intanto oggi arriveranno 1,5 milioni di Pfizer alle Regioni, il carico maggiore finora.

Potrebbe anche interessarti