Vaccino, psicologi contro Draghi: “Il Governo ha deciso le priorità. Non saltiamo nessuna lista”

Durante la conferenza stampa di ieri del Presidente del Consiglio Mario Draghi, si è alzato un polverone contro la categoria dei giovani che senza coscienza saltano le file. Il Premier Draghi ha fatto l’esempio degli psicologi : “Uno psicologico di 35 anni che si vaccina come operatore sanitario, con che coscienza questo giovane salta la lista? Sapendo che lascia a rischio concreto di morte uno che ha più di 75 anni o una persona fragile“.

Queste dure parole non sono sfuggite al Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi che ha attaccato duramente il Presidente del Consiglio tramite il Presidente David Lazzari, intervenuto questa mattina a Rai News 24: “Gli psicologi in quanto operatori sanitari non hanno saltato alcuna fila. È stato il Governo con un Decreto ad aver sancito il fatto che gli psicologi insieme agli altri operatori sanitari dovessero essere vaccinati. Addirittura, per coloro che non si vaccinano, è prevista la sospensione dall’attività professionale“.

Stesso ieri il Presidente con un post su Facebook aveva già spiegato la questione: ” Sorprendono infatti le affermazioni del presidente Draghi che nella sua conferenza stampa ha parlato di giovani psicologi che si fanno vaccinare scavalcando le persone anziane. Sorprendente da molti punti di vista: perché nessuno di noi ha chiesto di avere priorità, è stato il Governo a decidere le priorità vaccinali, ed in queste sono state incluse tutte le professioni sanitarie.

Signor Presidente, le dico che non ci sono solo gli Psicologi del SSN, ma ci sono le migliaia di psicologhe e psicologi che lavorano nella scuola per sostenere il disagio determinato da un anno di scuole chiuse; ci sono, signor Presidente, le migliaia di di psicologhe e psicologi che lavorano con soggetti fragili, bambini diversamente abili, con problemi di sviluppo e con le loro famiglie; ci sono, signor Presidente, le migliaia di psicologhe e psicologi che lavorano con gli anziani, RSA, malati oncologici, persone con patologie croniche, nel fine vita; ci sono, signor Presidente, le migliaia di psicologhe e psicologi che sono a fianco delle tante, troppe persone, che non ricevendo risposte dal pubblico per la mancanza scandalosa di psicologi, si rivolgono al privato“.

 

̀

Può capitare di essere ottimi tecnici ma non…

Pubblicato da Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi su Giovedì 8 aprile 2021

Potrebbe anche interessarti