De Luca risponde a Figliuolo: “Over 80 vaccinati entro domenica. Astrazeneca alla categoria economiche”

de luca figliuoloVincenzo De Luca risponde al Commissario per l’emergenza covid Figliuolo. La campagna di vaccinazione in Regione Campania proseguirà secondo le priorità indicate per gli ultraottantenni e le categorie fragili e quindi per fasce d’età per le categorie più a rischio. A tal proposito, il governatore specifica:

La categoria degli ultraottantenni in piattaforma sarà completata al 100% entro questa settimana, e per i non deambulanti entro le due settimane successive. Le Asl impegneranno task force specifiche per le categorie fragili“.

Il problema restano le poche dosi a disposizione dei campani. Come si legge nel comunicato della Regione Campania:

“Il dato reale che va segnalato è la drammatica carenza di vaccini Pfizer e Moderna, che rappresenta un ostacolo al raggiungimento dell’obiettivo. Altro dato della realtà concreta, al di là degli schemi nazionali, è l’accumulo di Astrazeneca non utilizzato per varie indisponibilità. E’ per questo vaccino che si procederà a una utilizzazione anche per categorie economiche”.

Necessario quindi è accelerare su un’approvazione dell’Aifa per il vaccino russo:

“Il dato di fondo che complica enormemente l’esecuzione del piano vaccinale è la carenza generale di vaccini. Che cosa impedisce di accelerare le procedure relative a Sputnik, che potrebbe essere il vaccino aggiuntivo da destinare alle categorie economiche? E ancora: quando sarà sanata la carenza di consegne relative alla Campania per oltre 200mila vaccini? Si dica con chiarezza in che percentuale rispetto alla popolazione sono stati distribuiti alle regioni. Si chiarisca la diversa ripartizione dei singoli tipi di vaccino. Si dica entro quanto tempo sarà finalmente ripristinato il criterio “un cittadino, un vaccino”.

Per quanto riguarda le isole:

“Anche sulle isole ogni centro vaccinale procede per fasce di età, ma una volta completati gli ultra 80, gli ultra 70 e 60, il centro vaccinale territoriale può procedere verso tutte le categorie contribuendo alla diffusione capillare delle vaccinazioni”.

Un messaggio poi per le altre categorie che verranno vaccinate:

“Ci sono categorie non coperte dai criteri delle fasce di età: trasporti pubblici (dopo aver dato priorità all’apertura delle scuole!); personale delle Poste e degli enti locali che lavorano agli sportelli di uffici pubblici; personale e commesse di aziende commerciali aperte al pubblico; dipendenti del comparto turistico per cui i tempi sono decisivi: a tutte queste realtà quando si pensa di dare risposta?”.

 

Potrebbe anche interessarti