Bagnoli si tinge di verde, presentato Balneolis: il progetto vincitore del concorso di idee

balneolis bagnoliSono anni ormai che si lavora per la riqualificazione e la bonifica di Bagnoli. Ieri un piccolo passo in avanti è stato fatto con la presentazione del progetto vincitore del Concorso Internazionale di idee UrbaNAture, curato da Invitalia e creato per dare una nuova veste all’assetto paesaggistico di tutta l’ex area Italsider di Bagnoli, compreso il grande parco urbano esteso per 120 ettari dei 250 totali.

Linea comune di tutti i 17 progetti presentati, la sostenibilità ambientale ed economico-sociale, l’accessibilità e la mobilità interna. 150 mila euro il montepremi destinato al primo classificato, 100.000 al secondo e 75.000 al terzo. L’idea vincente è quella che ha visto trionfare un ritorno alla Campania Felix: si chiama ‘Balneolis e la nuova stagione felix‘ ed è stato presentato da un raggruppamento di 12 soggetti guidato da S.B.Arch Studio Bargone Architetti Associati.

BALNEOLIS: COME SARA’ LA NUOVA BAGNOLI

Come è possibile leggere sul sito di Invitalia:

Il progetto racconta del ritorno all’ideale di “Campania FELIX”; è declinato secondo una interpretazione contemporanea del genius loci, che si esprime con l’esaltazione dei caratteri naturali, agricoli, cromatici, estetici e del benessere propri di questo Sito. Da Posillipo il progetto si articola in tre diversi ambiti: il parco naturale, con il recupero della naturalità e di una rete ecologica che unisca il mare alla collina; il bosco produttivo, con il ritorno alle coltivazioni arboree di specie antiche e autoctone; il parco urbano più vicino e funzionale al quartiere residenziale e alle nuove costruzioni che qui si insedieranno. Tre campiture verdi che si integrano, anche attraverso le radure circolari, per valorizzare le archeologie industriali, ma anche un nuovo modello di termalismo“.

Il video del progetto parte con le immagini di Bagnoli di fine ‘800 per arrivare a come sarà ai giorni nostri. Tra radura esotica, laghi retrodunali, il vascello e il miglio borbonico. Un percorso, immersi nel verde.

Potrebbe anche interessarti