In Forma, il nuovo progetto per il benessere: “Bisogna dare peso alla cura di sé”

Questa mattina, all’interno della Sala De Sanctis del palazzo della Regione, si è svolta la conferenza stampa per la presentazione del progetto In Forma. Alla presenza dell’Assessore della Regione alla scuola, alle politiche sociali e giovanili, Lucia Fortini, Maria Teresa Ferrari, ideatrice del progetto, ha presentato l’iniziativa. La proposta si chiama, appunto, In Forma ed è finalizzata alla ricerca del proprio equilibrio interiore: la parola chiave del progetto è sicuramente “bellezza”; la bellezza del benessere psico-fisico. Una bellezza, dunque, da donare a chi ne ha più bisogno. Le donne sono le protagoniste assolute.

A loro è rivolto lo sportello di ascolto itinerante che le guiderà nella ricerca del bello dentro di sè. Ma anche nell’informazione e nel sostegno: In Forma fonirà anche aiuti concreti per la prevenzione delle malattie. Tema chiave della conferenza, oltre la bellezza, è la definizione di salute dell’OMS: la salute in quanto benessere ed equilibrio psico-fisico. Il tutto si svolgerà tramite camper itineranti, offerti dalla T&D Angeloni. I luoghi ed i giorni saranno prossimamente calendarizzati, ha anticipato la Ferrari. Il progetto partirà da Settembre e vedrà una fitta rete di sostegno per la salute.

Inoltre, è davvero importante l’apporto della chirurgia: stamattina era presenta anche il Dottor D’Andrea, direttore della scuola di Medicina e Chirurgia plastica ricostruttiva della Federico II. Durante il suo intervento ha evidenziato quanto la chirurgia plastica venga fraintesa e quanto in realtà può aiutare, soprattutto quella ricostruttiva. “Noi ci siamo messi a disposizione del progetto, di chi ne ha davvero bisogno. Stiamo parlando anche di donne che hanno subito una violenza fisica, o chi ha avuto il cancro al seno.” E’ intervenuta anche la Dottoressa Bozzaotra, del dipartimento di psicologia clinica dell’asl, offrendo sostegno psicologico con una frase incisiva: “Noi ci siamo”.

Gli interventi e la ricerca di una bellezza pura e autentica

Se posso attingere alla mia esperienza personale– inizia la Fortini- da madre penso che noi donne un po’ più mature tendiamo a trascurarci, perchè pensiamo che la cura i noi stesse venga dopo. Non è così, bisogna prendersi cura di sé ed amare sé stessi. Noi guardiamo la parola bellezza con pregiudizio. Pensiamo che si curi chi non ha niente da fare, ma è sbagliato pensarla così. Con i giovani, poi, compiamo degli errori madornali: ai bambini diciamo che sono tutti uguali per fargli comprendere che ognuno riceve lo stesso trattamento. Non facciamo capire loro che la vera essenza della bellezza sta nella diversità.“. Anche la moderatrice, l’attrice Pina Turco, appoggia fin dall’inizio l’idea che la bellezza stia nelle caratteristiche che contraddistinguono ognuno di noi dagli altri: “Il cinema fa proprio questo: trova le caratteristiche più preziose in ognuno e rende punti di sforza i punti di debolezza.

Durante la conferenza è stato di grande impatto il discorso di Amedeo Manzo, presidente della federazione campana della BCC. “Prendendo atto della difficoltà della gestione economica in una fase di economia anticiclica, capiamo che le donne hanno difficoltà, perchè parliamoci chiaramente, gestiscono loro il portafogli di casa. Quindi abbiamo pensato a dare aiuti concreti offrende delle misure atte a sostenere l’imprenditoria femminile: finanziamenti per le start-up, per aiutare le aziende già esistenti ed un finanziamento richiedibile fino a 20 anni d’età per andare a studiare fuori. Dobbiamo rispondere alla mancanza del concetto di democrazia economica.

La partecipazione di Marco Maddaloni, campione italiano di Judo proveniente dal Centro Maddaloni di Scampia, ha aggiunto il punto di vista di uno sportivo. “Lo sport da forza e sicurezza alle donne. Ti mette a confronto con gli altri, ti educa, ti rende una persona disciplinata. Io dico sempre che l’atleta passa ma l’uomo resta. E’ l’atleta che ti rende l’uomo che sei.

Potrebbe anche interessarti