Carlo Verdone: “Mio nonno Oreste era di Napoli, ritrovate prove all’Archivio Storico”

Ritrovata nella Questura di Napoli la richiesta di passaporto del nonno di Carlo Verdone, Oreste Verdone. Precisamente nella busta 4659, al fascicolo 81, Gianluca Bianco ha trovato il foglio datato 1916 all’Archivio di Stato. E, nonostante l’attore si trovi sul set di “Vita da Carlo”, si tratta di un ritrovamento fin troppo importante per la sua storia familiare. Ci ha raccontato tutto in un’intervista rilasciata al Corriere del Mezzogiorno.

Infatti, Carlo Verdone cercava questo documento da tempo, e lo afferma anche nel suo libro. Proprio per questo, Candida Carrino, Angelica Lugli e Gianluca Bianco si sono messi all’opera ed hanno trovato ciò che Verdone e la sua famiglia cercavano da tempo. Infatti, solo così l’attore Carlo Verdone ha saputo che il nonno era nato a Pozzuoli, il 26 marzo 1896, nonostante le numerose ricerche fatte nel corso degli anni.

Inoltre, il ritrovamento del passaporto svela un fatto inedito. L’obiettivo della domanda di passaporto, fatta il 22 agosto 1916, era quello di andare a Londra. Precisamente, si legge “Oreste Verdone, tenente del 155esimo Reggimento Fanteria, chiede alla Questura di Napoli il passaporto per recarsi all’estero, avendo ottenuto l’autorizzazione dal ministero della Guerra”. Purtroppo però, fu ferito e ricoverato ad Alessandria, e morì poco dopo in trincea nel 1917.

Inoltre, l’attore ha terminato l’intervista affermando di voler visitare l’Archivio e ringraziare personalmente tutte le persone che l’hanno aiutato in questa ricerca. Purtroppo la copia originale resterà a Napoli, così come afferma la legge, ma potrà avere comunque una copia dell’originale.

Potrebbe anche interessarti