Torre del Greco, prova a strangolare moglie e minaccia di uccidere suoceri e figlia: arrestato

torre minaccia moglieAncora un episodio di maltrattamenti contro le donne. A Torre del Greco un uomo ha prima picchiato la moglie e poi minacciato di morte la figlia e i suoceri. La donna, esasperata dai continui litigi e percosse si è cose rivolta ai Carabinieri della locale Stazione Capoluogo che sono intervenuti arrestando il marito. Il 42enne è gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia commesso ai danni della moglie e dei tre figli minorenni di 17, 15 e 13 anni.

Come reso noto dai Carabinieri, l’attività investigativa, condotta dai militari della Stazione di Torre del Greco e coordinata da questa Procura della Repubblica, è scaturita dalla denuncia della donna che, lo scorso 17 giugno 2021, aveva denunciato ai militari di aver subito negli anni della convivenza coniugale continue e reiterate minacce e e violenze, fisiche e morali, da parte del marito. L’ultimo episodio si era verificato proprio la mattina del 17 giugno quando l’uomo, dopo aver minacciato di uccidere i genitori della donna e la figlia, aveva dapprima tentato di strangolarla e poi l’aveva ripetutamente schiaffeggiata. Decisivo, ai fini delle indagini successive, è stato il contatto della vittima con un maresciallo dei Carabinieri della Stazione Capoluogo, che aveva fornito il proprio numero di telefono diretto alla vittima nel caso in cui quest’ultima avesse avuto bisogno di aiuto.

La mattina successiva a quella della denuncia, il Maresciallo della Stazione dei Carabinieri era stato contattato dalla figlia della vittima, che aveva chiesto aiuto dal momento che il padre stava nuovamente maltrattando la madre. Le delicate indagini hanno permesso di ricostruire un allarmante quadro familiare, caratterizzato da continue violenze e soprusi, iniziati fin dal 2006. Fondamentali si sono rivelati anche i video girati dalla donna nell’ambito delle mura domestiche, che hanno consentito di riscontrare in modo oggettivo quanto dalla stessa denunciato. L’uomo è stato tradotto presso il carcere di Napoli – Poggioreale, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Potrebbe anche interessarti