Napoli, modelle contro la camorra: fanno vestiti con le stoffe sequestrate ai clan

Un filo di rossetto rosso e vestiti cuciti contro la camorra. Sono le donne di Ponticelli, quartiere difficile di Napoli.

Disegnano e cuciono vestiti utilizzando stoffe sequestrate ad aziende legate alla criminalità organizzata e poi li indossano sfilando con le loro creazioni. Il Tg1 ha dedicato un servizio a questa iniziativa dell’Associazione Remida di Napoli.

Vogliamo dare un senso di riscatto e di bellezza al territorio” – racconta Anna Marrone dell’Associazione Remida.

Un laboratorio di sartoria dove le donne imparano a disegnare e cucire vestiti per rinascere in un quartiere che spesso è vittima di agguati di camorra.

Per me sono una famiglia – racconta Rosalia, vittima di un grave incidente stradale e uscita da una lunga riabilitazione – mi sono stati tutti vicini sempre, per me sono amici, fratelli e sorelle, sono tutto“.

Per il servizio clicca qui!

Potrebbe anche interessarti