Don Mimmo Battaglia a Palazzo San Giacomo: “Napul’è mille culure… e sei bellissima. Credi in te”

Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha ricevuto oggi a Palazzo San Giacomo l’Arcivescovo Mons. Domenico Battaglia, che non ha esitato a dedicare delle belle parole alla città di Napoli.

Mons. Domenico Battaglia a Napoli: “Sei bellissima. Credi in te”

Come riportato sul sito ufficiale della Curia di Napoli, il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha ricevuto oggi a Palazzo San Giacomo la gradita visita dell’Arcivescovo Mons. Domenico Battaglia, che ha voluto in questo modo ricambiare quella fatta dal primo cittadino in occasione del suo insediamento a Largo Donnaregina.

Tra De Magistris e Battaglia c’è stato un lungo e cordiale colloquio, accompagnato dal Vescovo ausiliare Lucio Lemmo, al termine del quale Don Mimmo ha anche firmato il libro d’onore di Palazzo San Giacomo, dedicando delle belle parole a Napoli: Napul’è mille culure… e sei bellissima. Credi in te“.

Il messaggio dell’Arcivescovo Metropolita di Napoli Domenico Battaglia è stato molto apprezzato dal Sindaco de Magistris, che ha voluto ringraziare di cuore Don Mimmo per la visita e per le belle parole per la città partenopea.

Il grande cuore di Don Mimmo Battaglia

Con il cardinal Sepe in pensione, il monsignor Domenico Battaglia è diventato arcivescovo della città di Napoli il 2 febbraio 2021. In occasione dell’ingresso formale in diocesi con la Santa Messa di inizio Ministero Pastorale in Cattedrale, Don Mimmo decise di fare una sorta di ‘pellegrinaggio simbolico’, incontrando varie persone fragili di Napoli.

Sono numerose le occasioni, in cui il monsignor Domenico Battaglia ha dimostrato di avere un cuore grande. Citiamo, ad esempio, la lettera scritta in occasione delle violenze verificatesi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in cui utilizza delle parole di Gandhi: “Mi oppongo alla violenza perché, quando sembra produrre il bene, è un bene temporaneo; mentre il male che fa è permanente”.

“Napul’è mille culure… e sei bellissima. Credi in te”

La sua umiltà evince anche dalle parole che ha dedicato a Napoli, citando un bellissimo passo della canzone di Pino Daniele, Napul è.

“Napul’è” è un capolavoro della musica contemporanea, che il grande Pino Daniele scrisse scrutando il lungomare di Mergellina. Il significato di questa canzone rimanda alle numerose contraddizioni della città di Napoli.

Napoli è una città che vanta di un grandissimo patrimonio artistico e culturale, ma purtroppo spesso rimane vittima dell’indifferenza della società. “Napule è na’ carta sporca e nisciuno se ne importa” cantava Pino Daniele nella sua canzone, che non avrebbe potuto rendere meglio l’ambiguità di Napoli. Una città così bella e che gode di un patrimonio immenso, spesso rimane macchiata dall’indifferenza degli individui.

Probabilmente le parole del monsignor Domenico Battaglia vogliono proprio sottolineare la bellezza della città partenopea e allo stesso tempo le sue difficoltà e le contraddizioni. Ma emerge anche un incitamento alla consapevolezza. Perché Napoli è bellissima ed è importante comprendere ciò, per preservare la città partenopea, piena di contraddizioni, ma con l’incredibile forza di ammaliare chiunque.

Potrebbe anche interessarti