MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Scafati, minaccia l’ex fidanzata e le incendia l’auto: arrestato

scafati exAncora un caso di violenza sulle donne, un’emergenza che sembra non voler finire. Un ragazzo di 22 anni residente a Scafati è stato arrestato con l’accusa di aver minacciato ripetutamente la ex fidanzata, arrivando addirittura ad incendiarle l’auto.

I carabinieri della caserma di Gragnano hanno tratto in arresto il giovane in questione in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura di Torre Annunziata. Il 22enne è accusato di atti persecutori nei confronti della ex fidanzata, che si sarebbero ripetuti per diversi mesi.

Le indagini hanno ricostruito quello che sembra essere un vero e proprio incubo durato mesi interi. Il ragazzo, a partire dallo scorso gennaio, avrebbe sistematicamente molestato e minacciato l’ex fidanzata, il tutto per motivi futili legati alla gelosia. Ciò avrebbe provocato in lei un perdurante stato di ansia.

Questa condizione, scrive in una nota il sostituto procuratore di Torre Annunziata, Emilio Prisco, avrebbe “ingenerato nella stessa un fondato timore per la propria incolumità e che l’ha costretta a cambiare le proprie abitudini di vita”.

Il ragazzo infatti avrebbe dimostrato in passato di poter provocare anche del male fisico alla giovane. Lividi, graffi, un’aggressione in cui le ha distrutto il cellulare: questi sarebbero solo alcuni esempi delle sue condotte violente. In un’occasione, il 22enne le avrebbe preso anche le chiavi del cruscotto dell’auto, impedendole così di allontanarsi.

L’escalation di minacce e violenze sarebbe culminata lo scorso 25 luglio, quando il giovane di Scafati avrebbe appiccato fuoco all’auto della ex fidanzata utilizzando della benzina. La macchina, che era parcheggiata nei pressi della casa in cui vive la ragazza, è stata in parte distrutta dall’incendio.

Il ventiduenne ora è stato arrestato e, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Potrebbe anche interessarti