MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Covid, Draghi: “Sì ad obbligo vaccinale e terza dose”

obbligo vaccinale
Foto fb Presidenza del Consiglio

Questo pomeriggio il Presidente del Consiglio Mario Draghi è intervenuto in conferenza stampa per parlare della situazione covid in Italia, della campagna vaccinale ma anche di economia e crisi in Afghanistan.

Draghi e il Governo favorevoli all’obbligo vaccinale

Uno dei punti principali toccati dal Premier è stato quello sull’estensione del Green Pass. Infatti il certificato verde verrà esteso e reso obbligatorio per altre categorie dopo che il consiglio di ministri si sarà consultato con la cabina di regia.

In una domanda sull’obbligo vaccinale, il presidente della Consiglio ha risposto che l’obbligo vaccinale sarà possibile una volta che il vaccino sarà approvato in via definitiva da Ema e Aifa. E non solo, sarà anche prevista una terza dose. A confermarlo con il ministro Speranza: “L’obbligo è già in vigore per il personale sanitario“.

Draghi ha affrontato poi il tema della scuola: “L’alto numero di vaccinazioni tra i giovani ci permette di affrontare con tranquillità l’apertura delle scuole. La scuola in presenza è sempre stata la priorità di questo governo. Il 91,5% degli insegnanti ha ricevuto almeno una dose di vaccino. Ci saranno sicuramente alcuni casi in cui ci saranno le fotografie dei mezzi pieni o delle cose che non vanno ma in generale l’impressione è che la preparazione sia stata ben fatta“.

Il ministro Patrizio Bianchi, seguito a ruota dal ministro Speranza, ha chiarito che nelle classi di studenti vaccinati è possibile togliere la mascherina: “Ieri, primo settembre, tutte le nostre 8.500 scuole hanno riaperto con il mandato di portare dal 13 settembre tutti i ragazzi in presenza e in piena sicurezza. Dove ci sono classi di vaccinati si possono togliere la mascherina e si può tornare a sorridere. Le regole sono quelle del Cts: mascherina, distanziamento e regole di igiene fondamentale“.

Potrebbe anche interessarti