MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Miracolo di San Gennaro, ammesse 450 persone nel Duomo. Il programma della solennità

Mancano esattamente dieci giorni al 19 settembre, giorno della solennità di San Gennaro in cui è atteso il celebre “miracolo”, ovvero il prodigio dello scioglimento del sangue. Anche quest’anno, a causa dell’emergenza Covid, potrà accedere alla Cattedrale soltanto un numero di persone: l’ingresso sarà consentito a 450 soggetti. La Chiesa di Napoli annuncia che non ci saranno inviti. L’evento potrà essere seguito sul portale dell’Arcidiocesi.

Celebrazione della solennità di San Gennaro: il programma

Sabato 18 settembre

Iniziano sabato 18 settembre i Riti Solenni per la festività di San Gennaro, Patrono di Napoli e della Campania. Quest’anno l’olio per la lampada votiva al Santo Martire è offerto dalla Diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti, retta da S.E. Mons. Giuseppe Mazzafaro.

LEGGI ANCHE – San Gennaro oltre la fede, il suo miracolo è il miracolo di Napoli: perché è importante

Alle ore 17, nella sede del Comitato Diocesano San Gennaro, piazzetta San Giuseppe dei Ruffi 6, il presidente dott. Carminantonio Esposito accoglierà i Sindaci di quella Diocesi, i quali alle 17.45 si porteranno nella Basilica di Santa Restitua all’interno della Chiesa Cattedrale per un breve saluto all’Arcivescovo di Napoli, S.E. Mons. Domenico Battaglia. Alle ore 18.00, in Cattedrale, avrà luogo il Rito Vigiliare della Celebrazione dei Primi Vespri, presieduta dall’Arcivescovo di Napoli. Al termine della celebrazione, dopo un breve ringraziamento del Presidente Esposito, ci sarà l’accensione della lampada votiva posta accanto alle Reliquie di San Gennaro.

Domenica 19 settembre

Domenica 19 settembre la Cattedrale aprirà alle ore 8.00 e resterà aperta fino alle ore 21. Alle ore 10.00 l’Arcivescovo Domenico Battaglia si recherà nella Cappella del Tesoro, dove, con l’Abate mons. Vincenzo de Gregorio e il Sindaco Luigi De Magistris, provvederà all’apertura della cassaforte che contiene il Reliquiario con le ampolle del Sangue. Porterà, quindi, le ampolle sull’altare maggiore della Cattedrale dove presiederà la Solenne Concelebrazione Eucaristica nel corso della quale, se ci sarà il prodigioso evento della liquefazione del Sangue, darà l’annuncio ai presenti.

Al termine della Celebrazione, prima della Benedizione conclusiva, l’Arcivescovo percorrerà la navata centrale portandosi all’esterno della Cattedrale, per esporre ai fedeli e alla Città le ampolle con il Sangue.

Altre celebrazioni nella giornata di domenica 19 settembre sono previste alle ore 12.30, 17 e 18.30, quest’ultima presieduta da un Vescovo ausiliare. Dal 20 al 27 settembre, si svolgerà l’Ottavario di ringraziamento. Alle ore 9 ci sarà la celebrazione della Santa Messa nella Cappella del Tesoro, presieduta da un Prelato. Al termine l’ampolla del Sangue verrà affidata ad un Canonico per la venerazione del popolo fino alle 12.30. La preghiera riprenderà alle 16.30 fino alle 18.30, con la celebrazione della Santa Messa.

Potrebbe anche interessarti