MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Super Green Pass, verso il nuovo decreto: cos’è e chi deve averlo

Domani, molto probabilmente, in Senato andrà in discussione il nuovo decreto anti covid con il super green pass. Un passo decisivo per contrastare definitivamente – anche grazie all’ausilio della campagna vaccinale – l’avanzata del covid. Gli ultimi nodi da sciogliere riguardano la platea dei destinatari, e Palazzo Chigi starebbe puntando all’estensione del Green Pass non solo ai lavoratori del settore pubblico ma anche a tutto quello privato.

Cos’è il super green pass?

Il super green pass è una protezione in più per tutta la popolazione, soprattutto nel mondo del lavoro. Sul fatto che il Green Pass sarà obbligatorio per i dipendenti del settore pubblico non c’è ormai alcun dubbio. Ed è molto probabile l’inserimento nel decreto dell’obbligo anche per i privati che lavorano in quei settori in cui il cliente ha il dovere di esibire il certificato verde come ristorazione, bar, trasporti di lunga percorrenza, cinema e teatri.

Con gli stessi obblighi e le stesse sanzioni già in vigore nel mondo della scuola per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione: da 400 a 1.000 euro di multa e sospensione dallo stipendio dopo quattro giorni di assenza ingiustificata. Insieme alla concessione di un mese di tempo per mettersi in regola. Le date chiave in cui il super green pass potrebbe entrare in vigore sarebbero il 10 ottobre o il 15 ottobre.

Ieri sera il premier Draghi sembra aver intanto dettato la linea: “Le cose vanno fatte perché si devono fare, non per un risultato immediato” – ha detto a Bologna. Per questo è necessario “dire molti no e pochi sì per evitare che tutto sia travolto dall’irresponsabilità“. Il riferimento è chiaro all’opposizione della Lega che vorrebbe mettere il bastone tra le ruote in questa estensione del green pass per i lavoratori pubblici e privati.

Potrebbe anche interessarti