Governo verso nuove riaperture e capienze ampliate: cosa potrebbe cambiare

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato che nei prossimi giorni il Governo affronterà le questioni legate alle prossime riaperture e alle capienze consentite all’interno di stadi e luoghi della cultura. La discussione dovrà risolvere anche il nodo delle discoteche.

Governo, prossime riaperture: dalle capienze alle discoteche

Il Ministro della Salute, intervenuto a ‘Rai News 24’, ha anticipato: “Sulle capienze e le riaperture sicuramente ci lavoreremo nel prossimo Consiglio dei Ministri che si terrà la prossima settimana”.

Già il Comitato Tecnico Scientifico, nei giorni scorsi, si è espresso a favore dell’ampliamento della capienza massima per cinema, teatri e concerti al chiuso all’80% e all’aperto al 100%. Per gli eventi sportivi, invece, si pensa di passare al 75% all’aperto e al 50% al chiuso. Indicazioni che hanno suscitato non poche polemiche soprattutto relativamente alla capienza consentita negli stadi, inferiore rispetto a quella che potrebbe essere osservata nei luoghi di cultura. Diversi, inoltre, sono gli esponenti politici che spingono per riportare la capienza al 100% ovunque.

Sarà l’esecutivo a pronunciarsi, nei prossimi giorni, traducendo o meno in norma il parere del Comitato. Stando alle prime indiscrezioni il Governo sembrerebbe intenzionato a confermare i limiti ampliati delineati dagli esperti rinviando la riapertura totale degli spazi in questione.

Alcune novità potrebbero riguardare anche il comparto delle discoteche, duramente colpito dalla pandemia. Grazie all’introduzione dell’obbligo del Green Pass, la data di riapertura dei locali non sembra essere lontana. Lo stesso Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, ha dichiarato: “Il freno a mano sulle discoteche può essere tirato. Deve essere fatto in sicurezza, aspetterei i primi dati di ottobre. Se sono buoni, con il Green Pass la discoteca è un luogo sicuro”.

Lo stesso Premier Draghi, nel corso della conferenza stampa di ieri, ha parlato di un progressivo ritorno alla normalità: “C’è una concreta possibilità di recuperare gradualmente normali livelli di apertura nelle attività sociali, culturali e sportive”. L’allentamento delle restrizioni, dunque, seguirà l’introduzione dell’obbligo di Green Pass per tutti i lavoratori. Dal 15 ottobre, dunque, riprenderà anche il lavoro in ufficio per i dipendenti del settore pubblico.

 

Potrebbe anche interessarti