Torre del Greco, visita speciale alla Parrocchia dello Spirito Santo: messa celebrata da Don Mimmo Battaglia

torre greco battagliaVisita speciale nella Parrocchia dello Spirito Santo di Torre del Greco. Ieri pomeriggi, l’Arcivescovo di Napoli Mons. Domenico Battaglia, ha voluto lasciare un messaggio di solidarietà alla popolazione in occasione dell’inizio del nuovo anno pastorale.

Ad accogliere l’alto prelato, oltre al parroco don Raffaele Borriello, anche il sindaco della città corallina Giovanni Palomba, il Comandante dei Carabinieri della Stazione Centro, Giovanni Sudano e gli Agenti del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza.

TORRE DEL GRECO, LA VISITA DI DON MIMMO BATTAGLIA ALLA PARROCCHIA SPIRITO SANTO

Battaglia ha presieduto la solenne celebrazione eucaristica delle ore 18.30, nel corso della quale ha offerto all’intera comunità parrocchiale una profonda riflessione sui temi dell’accoglienza e dell’ospitalità, condividendo momenti e ricordi della sua personale esperienza sacerdotale. Al termine, si è recato in visita presso lo storico oratorio cittadino, “Beato Vincenzo Romano”, dove ha incontrato oltre ai fedeli la piccola comunità degli scout e dove sono state illustrate le imminenti progettualità sulle attività oratoriali in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

Messa che è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della Parrocchia:

Queste le parole del primo cittadino Palomba per l’arrivo a Torre del Greco di Don Mimmo Battaglia:

Un momento di grazia e di gioia la visita dell’Arcivescovo in mezzo a noi e alla nostra collettività, figlia del mare e del Vesuvio e fondata sull’esempio caritatevole di San Vincenzo Romano. Ho partecipato a Mons. Battaglia la particolare attenzione alle tematiche sociali da parte di questa Amministrazione che ha destinato una serie di fondi importanti ​per lo sviluppo di progettualità e di idee finalizzate alla valorizzazione delle attività oratoriali di ben 17 Enti di culto presenti sull’intero territorio. Un impegno considerevole per ​offrire un respiro ulteriore alle realtà religiose che tanto hanno fatto durante l’emergenza pandemica, e, tanto continuano a fare – nel silenzio – a beneficio dell’intera comunità cittadina”.

Potrebbe anche interessarti