Lungomare riaperto alle auto, gli ecologisti a Manfredi: “Le pedonalizzazioni rendono le città più vivibili”

manfredi lungomare liberatoL’obiettivo del nuovo sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, relativo alla possibilità di riaprire il lungomare alla circolazione delle auto, ha trovato il disaccordo degli ecologisti di Green Italia Campania. Questi ultimi, infatti, tramite social, hanno lanciato un appello affinché Manfredi possa fare chiarezza sulle dichiarazioni rilasciate in mattinata.

Manfredi verso la riapertura del lungomare alle auto: l’appello degli ecologisti

Nel corso della trasmissione ‘Barba & Capelli’, su Radio Crc, il nuovo sindaco ha dichiarato la volontà di dotare la città partenopea di un piano traffico, fatto in modo tecnico e non ideologico: “Dobbiamo valutare se ci possono essere delle situazioni o dei momenti della settimana in cui si possa rendere necessario il ripristino del traffico”.

Di qui la risposta di Green Italia Campania: “Abbiamo letto su alcuni quotidiani la dichiarazione del nuovo sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, che definisce la pedonalizzazione del lungomare una scelta ideologica e non tecnica, proponendo la riapertura del lungomare anche se solo in alcuni momenti della settimana”.

“Ci auguriamo che queste affermazioni siano solo delle interpretazioni giornalistiche. Gli ecologisti di Green Italia Campania chiedono al sindaco Manfredi di chiarire le sue dichiarazioni e sottolineano che mai come in questo momento storico, in cui si auspicano e progettano ‘città senza auto’, le pedonalizzazioni non sono scelte ideologiche ma frutto di scelte tecniche di avanguardia con l’obiettivo di lasciare alle spalle le città auto-centriche e renderle più belle, più vivibili e civili”.

L’amministrazione, dunque, punterebbe alla riorganizzazione del traffico facendo emergere, di conseguenza, il problema della sostenibilità. “Abbiamo approfondito il programma elettorale di Manfredi ed in quel programma abbiamo interpretato la volontà di una città sostenibile, resiliente e moderna. Se le dichiarazioni fossero confermate vuol dire che ci siamo sbagliati nell’interpretare il suo programma” – concludono.

Potrebbe anche interessarti