Reddito Cittadinanza, De Luca: “Abbiamo scoperto che lo percepivano persone con i milioni”

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, intervenuto in diretta da Città della Scienza per le conclusioni del Premio Industria Felix, ha parlato nuovamente della misura del Reddito di Cittadinanza.

De Luca parla della misura Reddito di Cittadinanza

Il Presidente ha lamentato nuovamente la carenza di stagionali attaccando i percettori del Reddito: “In alberghi, ristoranti, strutture balneari non si trovano stagionali. Io ritengo che lo Stato non può dare nemmeno un euro che non sia legato a un impegno di lavoro o di formazione professionale. Se ricevi un euro dallo Stato devi dare disponibilità ad andare a lavorare”.

“Come Regione Campania avevamo fatto una proposta, quella di dare in aggiunta al Reddito, quindi senza toccarlo, altri 500 euro al mese più il trasporto gratuito per chi si allontanava dal Comune di residenza ma non c’è stato niente da fare. Era una proposta che facevamo al Governo nazionale ma siamo ancora ammalati di demagogia”.

“Avrebbero ricevuto 700 euro, 500 a carico delle imprese e il trasporto gratuito a carico della Regione. Poi abbiamo scoperto che c’era tutta una varia umanità che ruotava attorno alla camorra, gente che aveva milioni che andava a percepire il Reddito di Cittadinanza. Scoppia un focolaio di covid nel campo rom di Giugliano e scopriamo che una ventina di questi avevano il Reddito di Cittadinanza. E questi vanno a lavorare? No, prendono il Reddito di Cittadinanza e poi di notte vanno a fare lo straordinario”. 

“Un conto è la solidarietà che è doverosa. Un conto è dare una mano alla povera gente vera che in qualche caso non è nemmeno occupabile. Un altro conto è avere persone che possono e devono fare la formazione, andare a lavorare se vogliono contributi dello stato”.

Intanto il Reddito di Cittadinanza è stata rifinanziato per il 2021 con ulteriori 200 milioni di euro. Al momento la misura resta invariata ma potrebbe ben presto andare incontro ad alcune modifiche. Tra queste il possibile inserimento del criterio che terrebbe conto del luogo in cui si vive.

Potrebbe anche interessarti