Movida a Napoli, controlli a tappeto: multe e attività sospese per chi è senza Green Pass

A Napoli proseguono i controlli dei Carabinieri, per frenare i rischi legati alla movida soprattutto nel weekend, e diversi esercenti sono stati sanzionati per mancanza di Green Pass. I militari dell’arma hanno presidiato in particolare la zona dei Decumani. Sono state emesse sanzioni per alcuni locali di Largo San Giovanni Maggiore, Largo Banchi Nuovi e dintorni di Santa Chiara.

Napoli, controlli sulla movida: sanzionati commercianti senza Green Pass

Nel corso dell’operazione numerosi locali sono stati controllati e, grazie alla collaborazione del personale tecnico dell’Asl partenopea, altrettante sanzioni sono state notificate. Diversi gli esercenti multati in quanto non in possesso della certificazione verde.

Il titolare di un bar in via dei Carrozzieri a Monteoliveto è stato sanzionato perché era in servizio pur non essendo in possesso del Green Pass. Con lui anche sua moglie, priva del certificato ma comunque impegnata a servire i clienti. Oltre alla sanzione per il locale è stata disposta una chiusura temporanea. Stessa sorte per il gestore di un altro bar, posto sulla stessa strada, sanzionato ancora per mancanza di Green Pass. Anche in questo caso l’attività è stata provvisoriamente sospesa.

Oltre ai provvedimenti emessi in materia anti-covid, sono state notificate prescrizioni concernenti il trattamento degli alimenti, effettuato in violazione della normativa di settore, a tre locali situati in Largo Banchi Nuovi. Per limitare le conseguenze rischiose della movida numerose persone sono state controllate in Largo San Giovanni Maggiore. Nell’ambito di tale intervento sono state avviate indagini anche sull’età dei clienti dei bar, spesso serviti con alcolici anche se minorenni. In più i militari, alcuni in borghese, hanno sanzionato decine di giovani in possesso di piccole quantità di stupefacenti.

La movida, con l’amministrazione Manfredi, potrebbe subire ulteriori strette. E’ già allo studio del Comune, infatti, un nuovo piano per frenare i comportamenti irresponsabili non solo dei giovani ma anche degli esercenti che non rispettano le regole. Tra le proposte spicca quella di limitare gli orari di attività di bar e ristoranti.

Potrebbe anche interessarti