Feste, spostamenti e viaggi a Natale: cosa cambia con il nuovo decreto

Dal 6 dicembre entrerà in vigore il nuovo decreto, basato sull’utilizzo del Super Green Pass, con nuove misure finalizzate a limitare la diffusione dei contagi in vista del Natale, introducendo alcune novità anche per spostamenti e viaggi.

Nuovo decreto per salvare il Natale: le novità per spostamenti e viaggi

Il Super Green Pass sarà rilasciato soltanto ai soggetti vaccinati o che sono guariti dal covid. Tuttavia resta valido il certificato base, dunque ottenibile tramite tampone, per accedere ai luoghi di lavoro, ai mezzi di trasporto, ai ristoranti all’aperto, palestre e piscine. Quest’ultimo consentirà anche ai non vaccinati la possibilità di effettuare spostamenti in base alle misure previste dalla fascia di colore in cui è collocata la propria Regione di appartenenza. Le restrizioni previste per la zona gialla e arancione saranno limitate ai non immunizzati mentre in zona rossa saranno valide per tutti.

Per chi intende viaggiare, ricorrendo all’utilizzo del trasporto ferroviario e aereo, è obbligatorio l’utilizzo almeno del Green Pass base. Dunque è consentito accedere a tali mezzi anche effettuando semplicemente un tampone antigenico o molecolare. La principale novità sta nel fatto che la certificazione verde deve essere esibita anche sui mezzi di trasporto pubblico locale.

In più, diversamente dal precedente provvedimento, stavolta il Green Pass classico servirà anche per soggiornare all’interno degli alberghi. Coloro che non hanno effettuato la vaccinazione o non sono in grado di certificare l’avvenuta guarigione dal covid per accedere alle strutture ricettive dovranno essere in possesso dell’esito negativo di un tampone.

Non mancheranno, tuttavia, restrizioni per i cittadini non vaccinati che, nonostante il periodo festivo, non potranno entrare in ristoranti e bar al chiuso né partecipare a feste o serate in discoteca. Per loro saranno vietati anche cinema, teatri, stadi e ogni tipo di evento pubblico.

A breve la Commissione Europea presenterà le nuove linee guida relative ai viaggi effettuati nei Paesi dell’Unione Europea. Stando alle anticipazioni fornite dall’Ansa, l’approccio di intervento si baserebbe sull’andamento epidemiologico del Paese di provenienza, raccomandando eventuali quarantene, e sull’utilizzo del pass digitale.

La situazione delle aree territoriali sarebbe valutata non solo in base ai dati del contagio ma anche alla percentuale delle vaccinazioni effettuate. Tuttavia pare che eventuali restrizioni non toccherebbero i vaccinati. Al momento la Commissione sembrerebbe orientata a consentire la circolazione anche ai non vaccinati risultati negativi al covid.

 

Potrebbe anche interessarti