Pompiere salvò la vita di una 20enne e ora ha una rara malattia: lei dona il suo sangue per lui

Circa otto mesi fa un vigile del fuoco napoletano, in servizio ad Aversa, ha salvato la vita di una ragazza di 20 anni che era precipitata in un pozzo a Casaluce. Lui si chiama Francesco e proprio di recente ha scoperto di aver contratto una malattia rarissima. La prima ad accorrere in suo aiuto, attraverso la donazione di sangue, è stata proprio Carla, la ragazza che a lui deve la sua vita. Una bella storia di altruismo e solidarietà che ancora una volta proviene dalla nostra Regione.

Vigile del fuoco salvò una ragazza caduta in un pozzo: ora lei dona sangue per lui

Come rende noto l’Ansa, nel giorno di Pasquetta, Francesco, da sempre impegnato nell’aiutare il prossimo, ha effettuato un intervento a Casaluce soccorrendo la giovane Carla per recuperarla dal pozzo in cui era accidentalmente caduta.

Ad oggi, però, è Francesco ad aver bisogno di aiuto. Di recente, infatti, ha scoperto di essere affetto da una rara malattia, la emoglubinuria parassostica notturna. Di qui l’appello dei suoi familiari e in particolare di suo fratello Yari: “Occorre sangue, aiutateci”.

Tra le prime persone a rispondere all’appello di aiuto c’è proprio Carla che ha voluto ricambiare il pompiere con un gesto altrettanto lodevole: adesso sarà lei a salvarlo recandosi presso l’ospedale Cardarelli di Napoli per donargli il suo sangue.

Una storia di riconoscenza e generosità che si aggiunge a tanti altri gesti solidali che danno prova del gran cuore dei cittadini. Proprio ieri una pizzeria del Napoletano si è resa protagonista di un ulteriore gesto lodevole annunciando di voler regalare cibo ai più bisognosi.

 

Potrebbe anche interessarti