Napoletani distratti? Il 61% non conosce le meraviglie di Napoli

sansevero

Un Paese unico al mondo, ricco di straordinarie bellezze artistiche e naturalistiche, bramato e ammirato dal resto del pianeta eppure gli italiani non lo conoscono o peggio lo ignorano.

E’ quanto emerge dallo studio condotto da Incontri Sanpellegrino in occasione di Incontri tour, un’iniziativa nata per promuovere il Made in Italy, con un sondaggio su oltre 1500 persone di età compresa tra i 18 e i 60 anni. Il risultato è a dir poco sconvolgente: 6 italiani su 10 non conoscono le prestigiose bellezze del proprio territorio.

Si tratta di luoghi segreti, magici o talvolta esoterici che non vengono inclusi negli itinerari turistici e che purtroppo sono sconosciuti anche agli stessi cittadini. Primi in questo sondaggio sono i romani (64%), seguiti dai milanesi (62%), dai napoletani (61%), dai torinesi (59%), dai bolognesi (57%) ed infine dai palermitani (50%).

A Napoli, il 75% degli intervistati non sa che il Conte Dracula riposa in una tomba all’interno della chiesa di Santa Maria la Nova, confondendo le sue spoglie con quelle di San Gennaro. Per il 57%, invece, le “Macchine Anatomiche” create dal principe Raimondo di Sangro e conservate nella cappella sconsacrata di San Severo, sono le macchine utilizzate all’ospedale Cardarelli. Oppure la Via dell’Anticaglia, scorcio sulla città in età classica,è sconosciuta al 51% della popolazione partenopea.

Un’ulteriore offesa inferta al nostro patrimonio, unico al mondo, dove in media più della metà della popolazione italiana ignora ciò che ci circonda ammettendo di aver confuso spesso un monumento con un altro e di aver commesso eclatanti gaffes, soprattutto per quanto riguarda i luoghi poco frequentati dai turisti.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più