Bellizzi, tre detenuti evadono dal carcere con lenzuola annodate: uno preso, due in fuga

evadono carcere bellizziTre detenuti sono evasi la scorsa notte dalla casa circondariale di Bellizzi, ad Avellino. Si tratta di tre uomini che erano ristretti nella prima sezione penale. Immediatamente è scattato l’allarme della Polizia Penitenziaria che ha portato all’arresto di uno dei tre, un 45enne di origine albanese mentre gli altri due (un 40enne marocchino e un 22enne romeno) sono ancora in fuga.

EVADONO DAL CARCERE DI BELLIZZI: DUE UOMINI ANCORA IN FUGA

Come reso noto dalle agenzie di stampa, i fuggitivi avrebbero forato il muro della cella e guadagnato l’esterno calandosi con lenzuola annodate. È scattata subito una maxi operazione delle forze dell’Ordine e della Polizia Penitenziaria con posti di blocco e controlli a bus e treni. Toni duri sono stati usati dal presidente del sindacato di Polizia Penitenziaria Uspp, Giuseppe Moretti, e dal segretario regionale della Campania, Ciro Auricchio in una nota:

Non servono studi accademici come quelli voluti dalla Ministra Cartabia per dire che i detenuti vanno rieducati offrendo loro telefonini, lavoro e umanizzazione della pena, che già esistono nel vigente ordinamento penitenziario. Senza pensare di dotare la polizia Penitenziaria idonee risorse umane e strumentali significa essere miopi rispetto a chi fa spregio delle leggi e delle regole penitenziarie e favorire colpevolmente evasioni e disordini ormai all’ordine del giorno. Spiace – sottolineano – l’assordante silenzio in cui vengono lasciati gli agenti che restano troppo spesso gli unici a pagare senza avere colpe sullo stato di sicurezza delle carceri. È da tempo che denunciamo lo stato di abbandono delle carceri in Campania sia in termini di personale mancano 600 agenti di polizia penitenziaria in regione sia in termini di strumenti tecnologici avanzati“.

Nel 2019 alcuni minori erano evasi dal carcere di Nisida.

Potrebbe anche interessarti